Auto contro moto. Due morti ed un ferito

Tragico incidente sulla Taurisano-Casarano

L’impatto tra auto e moto è stato fatale. Nello scontro ha perso la vita sul colpo Paolo D’Amico, imprenditore casaranese titolare del negozio di giocattoli “Dettal Gross”. Salvatore De Nuzzo, il conducente della moto, è spirato in ospedale. In prognosi riservata un 24enne con lui sulla Yamaha

Due morti ed un ferito grave. E’ questo il bilancio di un violento incidente che si è verificato ieri pomeriggio attorno alle 16.30 sulla strada provinciale Taurisano-Casarano. Da una prima ricostruzione effettuata dai carabinieri, Paolo D’amico, imprenditore 76enne molto noto a Casarano, titolare del negozio di giocattoli “Dettal Gross”, transitava a bordo della Renault Clio in direzione Casarano. Ad un certo punto l’uomo si sarebbe spostato verso sinistra per accedere ad un podere di sua proprietà. Ma la sua manovra sarebbe coincisa con l’arrivo a velocità piuttosto elevata di una moto Yamaha 600, alla guida della quale si trovava Salvatore De Nuzzo, 37 anni di Casarano, e sulla quale sedeva un amico, Antonio Pellegrino, 24 anni, anche lui casaranese. Pare che la moto stesse effettuando la manovra di sorpasso dell’utilitaria proprio mentre questa stava per svoltare a sinistra; l’impatto tra i due mezzi è stato tragico. L’auto colpita dalla moto sul lato del conducente, è stata spinta in avanti di circa 20 metri, finendo nei pressi del guard rail; D’Amico è stato sbalzato dall’abitacolo; De Nuzzo aveva ancora il casco ma un profondo taglio alla gola. L’anziano è deceduto sul colpo; il 37enne si è spento in ospedale per le gravissime lesioni riportate; Pellegrino, il passeggero della Yamaha, è in prognosi riservata presso l’ospedale di Tricase.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!