[In sala] Speed Racer

Non una novità in DVD ma un film ancora nei cinema. Un ultrafilm. Oltre qualunque cosa abbiate mai visto. Anche se è un film per ragazzi. Da vedere. In sala. Obbligatoriamente.

Speed racer è oltre qualunque cosa abbiate mai visto. Visivamente è qualcosa di incredibile, lisergico, velocissimo, pop, luccicante e coloratissimo. Molto più che Matrix con il bullet time questo film spinge in là la frontiera della visione. I Wachowski bros mettono in scena un cinema postmoderno: quasi datato, da un lato, nella staticità della composizione e, dall'altro, nuovissimo, oltre, già nel futuro per velocità e concezione, grazie a un montaggio da paura e ad effetti speciali sempre più incredibili. È un film che contamina il linguaggio del cinema con quello del fumetto e con quello dei videogiochi. Ma non credete a chi vi parla di non-film/videogioco, perché è puro cinema quello che scorre sullo schermo. La coesistenza di futuro e passato è anche presente nella contrapposizione tra automobili e tecnologie più che futuribili e persone, abbigliamenti e abitudini familiari uscite dritte dagli anni '50. La cosa che a freddo forse più colpisce è il fatto che nonostante lo stato di allucinazione dato da velocità, colori, linee cinetiche e suoni, la storia resti sempre perfettamente leggibile e fruibile. Speed racer è un film per bambini, dalla storia lineare e gag tipiche del manga. Ma non è un film cretino, come dimostrano diversi momenti che non potrete non amare, dalla gara del protagonista contro il fantasma del fratello, ai suoi sogni da bambino alla guida di un auto a fumetti, fino alla prima volta che Speed vede l'amore della sua vita. Alla fine, il sospetto è che questo sia volutamente un film per bambini, perché chi è troppo cresciuto, chi non ha più gli occhi di un bambino, non riesce a starci dietro. Si perde e non capisce.

[Speed Racer (Usa 2008) di Andy Wachowski, Larry Wachowski. Con Emile Hirsch, Susan Sarandon, John Goodman, Christina Ricci, Matthew Fox, Hiroyuki Sanada, Ji Hoon Jung, Richard Roundtree, Roger Allam, Benno Fürmann.]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!