Disabile? Piazza off limits

Divieto d'accesso per i portatori di handicap

Lo scivolo di piazzetta Giovanni Paolo II, infatti, non è segnalato dalle strisce gialle a zebratura obliqua come prescrive il Codice della Strada. Non è ben visibile e questo giustifica parzialmente gli automobilisti che parcheggiano proprio davanti all’accesso

Ai cittadini disabili che utilizzano gli speciali mezzi di locomozione, come le carrozzelle, è vietato accedere in piazzetta Giovanni Paolo II, una delle zone commerciali della città, adiacente a viale Ferrari. L’unico accesso per entrare nell’area ed avvicinarsi ai negozi è perennemente occupato dalle automobili in sosta. Lo denunciano i commercianti stessi della zona che da diverso tempo cercano di sensibilizzare Palazzo dei Domenicani a segnalare meglio lo scivolo di accesso. La causa non è da imputarsi solo alla insensibilità degli automobilisti o al loro scarso senso civico, ma anche ad una grave inefficienza dell’amministrazione comunale. Lo scivolo di piazzetta Giovanni Paolo II, infatti, non è segnalato dalle strisce gialle a zebratura obliqua come prescrive il Codice della Strada. Non è ben visibile, in sostanza, e questo particolare giustifica parzialmente quegli automobilisti che parcheggiano proprio davanti all’accesso. Un episodio accaduto sabato scorso ha indotto i commercianti della zona ad alzare la voce e a farsi sentire dagli amministratori dopo tante segnalazioni. Un ragazzo disabile aveva bisogno di raggiungere il tabaccaio per comprare un pacchetto di sigarette. Lo scivolo, però, tanto per cambiare era ostruito da un’auto in sosta. “Mi sono accorto subito che era in difficoltà – racconta il commerciante, Renato Cavalera – avevo notato che era in difficoltà e anche la madre, che spingeva la carrozzina, non sapeva cosa fare. Allora sono uscito dal tabacchino e gli sono andato incontro: gli ho chiesto di cosa aveva bisogno e ho fatto la spola tra il negozio e il giovane. E’ da tanto che segnaliamo il problema, credo da almeno due anni – conclude il commerciante – e ci vuole veramente poco per risolverlo”. In piazzetta Giovanni Paolo II, gli stessi commercianti, grazie anche alla generosità di centinaia di cittadini, hanno eretto una statua a papa Woityla che ha riqualificato la zona.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!