Acaja, fortezza della pace

Parigi ha scelto la sede del primo incontro

Si svolgerà ad Acaja, il prossimo novembre, la prima riunione del Forum del Mediterraneo per la pace. Antonio Buccoliero, consigliere regionale, esprime viva soddisfazione

“Esprimo viva soddisfazione per la notizia, giunta direttamente da Parigi, di scegliere il castello di Acaja – Vernole quale sede del Forum Mediterraneo per la Pace”. È quanto ha dichiarato Antonio Buccoliero, consigliere della Regione Puglia e vicepresidente della VII Commissione Affari Istituzionali, dopo la decisione ufficiale del Consiglio direttivo del Forum del Mediterraneo per la Pace, riunitosi nella giornata di ieri a Parigi, di tenere, proprio nel castello di Acaja, la prima riunione del Forum del prossimo novembre. “Si tratta di una scelta importante – ha sottolineato Buccoliero – che va a vantaggio della piccola comunità di Acaja e dell’intero Salento. In questo modo, si sottolinea la naturale vocazione di un territorio, il Salento, da sempre terra di accoglienza, di confronto e di dialogo. Del resto, l’imponente bellezza del castello di Acaja, che a buon diritto potrebbe rientrare tra i beni considerati patrimonio dell’Unesco, si pone oggi come simbolo di pace, fortezza che custodisce il bene più importante per l’umanità: quello della pacifica convivenza tra i popoli. Un plauso – ha concluso Buccoliero – va alla Provincia di Lecce, che ha creduto fortemente nella possibilità che il Salento, da sempre ponte sul Mediterraneo, potesse rappresentare concretamente sulla scena mondiale un percorso, mai interrotto, che guarda al rispetto, alla tolleranza, al confronto ed allo scambio proficuo di idee e di esperienze di vita, perché la pace non sia un’utopia, ma l’impegno preciso di uomini di buona volontà che sostituiscono l’io con il noi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!