Screening mammografico. Via al programma

L’iniziativa di prevenzione della regione Puglia

Una serie di incontri nei Comuni del Distretto socio-sanitario di Casarano rivolti agli amministratori locali, alle associazioni di volontariato, alle forze sindacali e sociali. A partire da oggi la Asl presenterà il servizio di prevenzione: una mammografia ogni due anni, a titolo gratuito, per le donne tra i 50 e i 69 anni

Sulla base di dati epidemiologici, nella nostra regione 3.000-3.500 donne all’anno si ammalano di tumore alla mammella, e 600-800 muoiono per questo motivo. Per fronteggiare tale problema, la Regione Puglia ha avviato il programma di screening mammografico, al fine di assicurare all’utenza femminile del territorio prestazioni di diagnosi precoce di elevata qualità, con chiamata attiva delle donne comprese nella fascia di età 50–69 anni. Questa sera (ore 18), nella sede delle Politiche Sociali del Comune di via Padova, comincia il programma informativo sul nuovo servizio, promosso dall’unità operativa di Assistenza Consultoriale. Si tratta di una serie di incontri – nei prossimi giorni a Taurisano (domani), Collepasso (10 aprile), Matino (15 aprile), Supersano (16 aprile), Parabita (17 aprile), Ruffano (22 aprile) – rivolti agli amministratori locali, alle associazioni di volontariato, alle forze sindacali e sociali, che ha l’obiettivo di far conoscere questo servizio dell’Asl di Lecce. Lo screening (letteralmente “passare al setaccio”) è un metodo per offrire attivamente alla popolazione a rischio l’opportunità di svolgere un esame per individuare precocemente eventuali casi sospetti. L’azienda sanitaria offre, gratuitamente, alla popolazione femminile fra 50 e 69 anni, una mammografia ogni due anni, invitando personalmente ogni donna con una lettera in cui è indicato il giorno, l’orario e la sede per effettuare l’esame. Nel Distretto socio-sanitario di Casarano le mammografie verranno realizzate dall’Unità Operativa Complessa di Radiologia del “Ferrari”, diretta dal dottor Giancarlo Morciano, a partire dal prossimo mese di maggio. Le lettere alle donne saranno inviate da un apposito ufficio centrale, situato nella sede della direzione aziendale. Verranno invitate per prime le donne, comprese nell’età 50-69 anni, che attualmente hanno già prenotato una mammografia, per passare a quelle di maggiore età, e quindi proseguire con le fasce meno anziane. Le donne da sottoporre ad esame, tra il 2008 e il 2010, nel territorio del Dss di Casarano sono stimate in circa 4.800.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!