E' Pasqua per gli sportivi

Un giorno di sport

Una giornata all’insegna del divertimento, dello spirito cristiano e della riflessione su vantaggi e problemi legati all’attività sportiva giovanile. Questo lo spirito che animerà la “Pasqua dello Sportivo”, organizzata per domenica 6 aprile dal Comitato Provinciale del Coni di Lecce in collaborazione con la diocesi di Ugento

Alla manifestazione parteciperanno rappresentative di tutte le Federazioni, gli Enti di promozione sportiva, le Discipline associate e le Associazioni benemerite presenti sul territorio salentino. Si inizia alle 9.30 con dimostrazioni sportive degli atleti presenti, che si esibiranno nelle rispettive discipline: dalle più praticate calcio, pallavolo, pallacanestro a sport che raramente hanno palcoscenici così importanti come scherma e badminton. Le dimostrazioni si interromperanno alle 11, in occasione della celebrazione della Santa Messa per gli sportivi, officiata da Sua Eccellenza mons. Luigi Bettazzi, Vescovo emerito di Ivrea. Il resto della mattinata sarà dedicato alla voglia di sport all’aria aperta di quanti aderiranno all’iniziativa, alla quale interverrà anche la nazionale italiana di Pentathlon militare che si allena presso la Scuola di Cavalleria di Lecce. La Pasqua dello sportivo si concluderà nel tardo pomeriggio, al termine dell’incontro-dibattito sul tema “I giovani e lo sport”, ospitato nel teatro dell’Oratorio, il cui inizio è fissato per le ore 16. All’incontro hanno assicurato la loro presenza: Sua Eccellenza Mons. Vito De Grisantis, Vescovo di Ugento – Santa Maria di Leuca, Sua Eccellenza Mons. Luigi Bettazzi, Don Mario Lusek, direttore ufficio CEI Pastorale Tempo Libero, Turismo e Sport, Antonio Pascali, presidente del CONI di Lecce, Roberto Ghiretti, dello studio Ghiretti e Associati s.r.l. di Parma, Giovanni Semeraro, presidente U.S. Lecce e Paolo Grecucci, presidente sezione A.N.F.I. Atleti Fiamme Gialle. Modererà il dibattito Donato Provenzano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!