Uso (o abuso) dei telefonini in classe

Permettere o proibire?

Permettere o proibire l'uso dei telefonini in classe a scuola? Un nostro lettore commenta la scelta di una dirigente milanese che ha vietato i cellulari

Desidero esprimere sentimenti sinceri di plauso ed ammirazione alla Dirigente di una Scuola Media milanese, la quale, onde porre fine al diffusissimo malvezzo degli studenti di servirsi del cellulare durante le lezioni, per telefonare, messaggiare e filmare, ha deciso di sequestrare gli apparecchi, custodendoli sino alla riconsegna ai genitori al termine dell’anno scolastico. Personalmente, condivido appieno tale presa di posizione e, anzi, auspico che lo stesso Ministro dell’Istruzione la faccia sua e ne disponga l’adozione generalizzata. So bene qual è l’immediata obiezione dei giovanissimi utenti il telefonino c’è utile, ad esempio per eventuali comunicazioni e contatti urgenti con i nostri familiari, come se gli Istituti non fossero attrezzati quantomeno con un telefono fisso, ovviamente a disposizione per ogni emergenza. La verità, purtroppo, è che oggi, nella concezione della stragrande maggioranza dei ragazzi, tutto è a portata di mano, tutto è consentito. Alla luce di ciò, è veramente importante, che da parte nostra, per una sana formazione e di riflesso per il loro bene, li educhiamo a convincersi che le chiacchiere non fanno farina. Rocco Boccadamo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!