Vigili urbani in cattedra

Corsi di educazione stradale a Nardò

La Polizia Municipale riprende i corsi di educazione stradale nelle scuole elementari e medie. Gli Agenti e gli Ufficiali della Polizia Municipale di Nardò dal 10 Marzo scorso, infatti, sono ritornati “in cattedra”

Si tratta di un “progetto mirato di educazione stradale”, concertato con l’Amministrazione Comunale, con il quale la Polizia Municipale (anche sulla base del Decreto Ministeriale della Pubblica Istruzione del 5 agosto 1994 e in riferimento al programma internazionale di Educazione Stradale raccomandato dalle Nazioni Unite) sensibilizzerà gli alunni delle scuole elementari e medie alle regole di comportamento sulla strada e, più in generale, alle tematiche relative alla sicurezza stradale. Il progetto contempla lezioni teoriche (con materiali didattici forniti dalla Polizia Municipale) ed una manifestazione finale durante la quale saranno consegnati gli attestati finali di partecipazione. “Il progetto parte dall'osservazione della realtà, dalle esperienze e dalla valorizzazione delle conoscenze acquisite dal bambino e dall’adolescente e si serve delle opportunità offerte dal territorio per giungere alla consapevolezza che in tutti gli ambienti, anche se diversi per caratteristiche fisiche e biologiche, vigono normative e mezzi di segnalazione universalmente riconosciuti e rispettati…” così il Comandante della Polizia Municipale Cosimo Tarantino che prosegue “…I percorsi formativi proposti partono proprio dagli interessi degli alunni, per far sì che gli stessi si rendano conto in maniera più diretta che le norme non sono imposizioni astratte, ma necessità concrete da rispettare

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!