Fronte – Frontiera con Astragali teatro

L’inclusione dell'altro nel teatro

Parte il progetto “Front/frontier-dynamics of the inclusion of the other in theatre”, promosso da Astràgali Teatro e sostenuto dal programma “Cultura 2007” dell’Unione Europea

“Fronte/frontiera-dinamiche dell’inclusione dell’altro nel teatro” è il quinto progetto di Astràgali Teatro approvato dall’Unione Europea all’interno di questo programma culturale. Un percorso che si concretizza a partire da una riflessione sul contesto politico e culturale del Mediterraneo, nel quale il nostro teatro opera attraverso una pratica artistica di scambio tra artisti, operatori culturali, centri di ricerca, università, e che si sostanzia nell’incontro e nell’ascolto dei luoghi, dei suoni, delle lingue, delle memorie. “Front/frontier-dynamics of the inclusion of the other in theatre”si misura con la possibilità di una pratica teatrale che realizzi l’incontro delle diverse lingue e culture, e si pone contro un’idea di frontiera e separazione, come principi di conflitto. Verrà realizzato un percorso di ricerca, di interventi artistici, e residenze teatrali in Italia, Grecia, Cipro, Malta, Francia, Albania, che richiamerà ad una riflessione su questioni cruciali, quali i processi di costruzione identitaria e la rappresentazione del conflitto. Le residenze porteranno alla realizzazione di una performance specifica per ogni luogo dal titolo “Persae”, basata sulla tragedia di Eschilo “I Persiani”, e su “Quattro ore a Chatila” di Jean Genet, per la regia di Fabio Tolledi, a cui prenderanno parte oltre alla compagnia di Astràgali Teatro anche gli attori e le attrici che si incontreranno nei vari paesi. Lo scopo è di intensificare lo scambio di pratiche e conoscenze, in una prospettiva allargata, e di promuovere processi di dialogo interculturale, come modo per oltrepassare le frontiere fisiche e culturali che impediscono l’incontro e il dialogo. Il progetto, già in corso, prevede un fitto calendario di attività per i prossimi mesi, consolidando una rete di collaborazioni avviate da tempo e aprendosi a nuove collaborazioni. Le attività culmineranno in due residenze teatrali, con la partecipazione di un gruppo selezionato degli attori che hanno preso parte ai vari workshop, in Italia, nel Salento, e a Cipro. A Cipro è prevista la partecipazione dello spettacolo “Persae” all’International Festival of Ancient Greek Drama, il prestigioso festival internazionale sulla tragedia classica, organizzato dal Cyprus Centre of International Theatre Institute, che sarà messo in scena, nella versione integrale della tragedia eschilea, negli splendidi teatro antichi di Kourion e Paphos, e nel teatro all’aperto, di più recente costruzione, della capitale Nicosia. 21-28 Marzo – Teatro Dypilon- Atene (Grecia) Workshop teatrale in collaborazione con il Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Atene. 28 Marzo- presentazione dello spettacolo “Persae”, per la regia di Fabio Tolledi 3-10 Aprile – Teatro Cinéart-Parigi (Francia) Workshop teatrale in collaborazione con l'Università di Paris X Nanterre, Service universitaire des activités physiques et sportives (SUAPS), Association Accord X. 10 Aprile- presentazione dello spettacolo “Persae”, per la regia di Fabio Tolledi 20-24 Aprile – Palazzo Castiliotissa-Nicosia (Cipro) Workshop teatrale in collaborazione con il Cyprus Centre of International Theatre Institute. Giugno – Lecce (Italia) Residenza teatrale nel Salento con attori italiani, greci, albanesi, ciprioti, maltesi, francesi. Presentazione dello spettacolo “Persae”, per la regia di Fabio Tolledi Luglio – Teatri antichi di Paphos, Kourion (Curium), e Nicosia (Cipro) Participazione all’International Festival of Ancient Greek Drama, il prestigioso festival organizzato dal Cyprus Centre of International Theatre Institute. Presentazione dello spettacolo “Persae”, nella versione integrale della tragedia di Eschilo “Persiani”, nei teatri antichi di Cipro, con la partecipazione di attori italiani, greci, albanesi, ciprioti, maltesi, francesi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!