Carenza di trasporti e collegamenti

DIfficoltà di viaggio da Nord a Sud e viceversa

Ancora una volta si ripresenta il problema trasporti in Puglia e non solo. Tutta l'Italia sembra essere vittima dei cattivi collegamenti tra le città

Gentilissima redazione de “Il tacco d'Italia”, il mio nome è Gianluigi, sono residente a Firenze nonché visitatore abituale del vostro sito internet. Con la presente mail vorrei sottoporvi un grande problema che hanno quanti, come me, per diversi motivi, hanno dovuto lasciare il Salento per trasferirsi nel centro-nord Italia. Il problema, sono i mezzi di collegamento tra il Salento ed il resto d'Italia. In particolare mi riferisco alla Regione Toscana, dove io sono residente. Infatti, ogni volta che torno a casa sono costretto a sottopormi, nel migliore delle ipotesi, ad almeno a 9 ore di treno. Tutto questo perchè l'aeroporto di Brindisi non riesce ad attrarre le compagnie low-cost che potrebbero risolvere il problema che vi ho segnalato. A conferma di ciò, segnalo che la compagnia Ryanair, dal 31 p.v. collegherà Bari con Pisa e se un salentino volesse usufruire di quei voli (per raggiungere Firenze) è impossibilitato perchè non ci sono mezzi pubblici di collegamento. Pertanto, vi chiedo se poteste prendervi a cuore il mio problema, che è anche il problema di tanti altri salentini (tantissimi) e aiuterebbe lo sviluppo del turismo nel Salento, e creare un movimento di opinione per smuovere le Istituzioni che interpellate (da me) più volte non si sono mai degnate di dare una risposta. Nella speranza di leggere qualche notizia positiva in merito a questa segnalazione, porgo cordiali saluti. Gianluigi Giannuzzo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!