[Serie TV] Le serie dell'anno (prossimo) – Seconda parte

Seconda parte della cavalcata tra le serie televisive.

How I Met Your Mother Season 1, 2 e 3 In italiano incredibile a dirsi la serie non fa ridere, ti lascia lì in sospeso, come con una barzelletta raccontata male. Sarà un po' colpa dell'adattamento non errato ma piatto (un po' come il titolo “E alla fine arriva mamma”), un po' colpa dei doppiatori che non brillano per interpretazione comica. In originale invece è una delle sit-com più brillanti che mi sia capitato di vedere. Interrotta dallo sciopero. Voto 4.5/5 LOSTseason 4 Siamo ancora alle prime puntate (5), ma se si esclude il contorno di attese e teorie che circonda la serie e un paio di puntate valide (la 3 e la 4), quest'inizio di season non è che sia granché. In corso. Voto (per ora) 3/5 Mediumseason 4 Anche qui si rompe lo status quo narrativo delle stagioni precedenti. Allison viene sputtanata sui giornali e perde il suo posto di consulente della procura. Il procuratore è mandato via e sostituito, il marito perde il lavoro (fine season 3). Da queste nuove premesse riparte la serie che però non cambia lo schema narrativo (sogno – indagine – sogno – soluzione). In corso. Voto 3/5 Primevalseason 2 Rispetto alla prima stagione qui il racconto è ancora più senza capo né coda. Ma alla fine i mostri sono divertenti. Voto 2/5 Prison Breakseason 3 Dopo la pausa (episodio 8) non ho avuto ancora voglia di vedere come va avanti (episodi 9-13). Peccato, perché la season 1 era tra le cose più intriganti che ho visto. Basta come giudizio? Interrotta dallo sciopero. Voto (per ora) 3–/5 Pushing Daisiesseason 1 Serie dell'anno. Tim Burton e Amelie trasformati in un prodotto seriale di immensa classe e sottile ironia. [spoiler primo episodio] Il protagonista è Ned, che scopre (fin da bambino) che gli basta toccare un morto per riportarlo in vita. Però il suo potere ha due controindicazioni: dopo un minuto, per mantenere l'equilibrio universale, qualcun altro muore al posto del “resuscitato”; se la persona resuscitata viene da lui toccata di nuovo questa muore definitivamente. Ned non abuserà mai del suo potere… Un giorno però Ned si trova a resuscitare Chuck, la bambina oramai donna, di cui è da sempre innamorato. Chuck resuscita per più di un minuto… ma Ned ora non potrà più toccarla. Interrotta dallo sciopero. Voto 5/5 Terminator: Sarah Connor Chroniclesseason 1 Lo spin-off narrativo che si dipana dalla fine di Terminator 2 è la sorpresa dell'anno. A forte rischio di boiata, si rivela invece una serie ottima, molto solida, con difetti veniali e grandi personaggi. Un elegante gioco temporale fa sì che la serie non sia in contraddizione con il terzo capitolo cinematografico. Interrotta dallo sciopero. Voto 4+/5 Secret diary of a Call girlseason 1 Serie inglese (assieme a Primeval). Non è affatto male la storia di questa squillo d'alto bordo per scelta. Voto 3.5/5 Studio 60 on the sunset stripseason 1 Splendida serie che racconta avventure e disavventure dietro le quinte di uno show televisivo in stile Saturday night live. Di alta scuola la regia. Voto 4/5 Sharkseason 2 Ottima la seconda stagione di questo serial di ambientazione legale, recitato benissimo e intrigante nelle trame verticali. La trama orizzontale è un pretesto, ma non è brutta. Interrotta dallo sciopero. Voto 4/5 Women's Murder Clubseason 1 Valida serie procedural, con protagoniste tutte femminili e ispirata al “club degli omicidi” di Patterson. Dopo alcune puntate di assestamento la stagione trova il suo ritmo e la sua giusta misuyra. Interrotta dallo sciopero. Voto 3.5/5

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!