Circonvallazione di Nardò. Presto i lavori

Prosegue l'iter del progetto dell'infrastruttura

Ninente valutazione di impatto ambientale per il progetto definitivo della circonvallazione di Nardò. Ora tocca alla Provincia redigere il progetto esecutivo ed appaltare i lavori

Il settore Urbanistica e Ambiente del Comune di Nardò non ha ritenuto necessario assoggettare a VIA il progetto definitivo per la realizzazione della Circonvallazione della città, lunga circa 5,2 chilometri e suddivisa in otto tronchi, ed ha licenziato nei giorni scorsi la richiesta formulata dalla Provincia di Lecce inerente lo srceening ai sensi dell’art. 16 della L.r. 11/2001 “Norme sulla valutazione di impatto ambientale”. Spetta ora alla Provincia di Lecce redigere il progetto esecutivo ed appaltare i lavori, per i quali risultano già impegnate delle risorse economiche. L’itinerario previsto è in parte cittadino, per circa 400 metri, e per il resto attraverserà le campagne circostanti. L’inizio è su viale Aldo Moro, all’altezza della nuova rotatoria in fase di realizzazione su corso Italia, attraversa la località Impestati verso la strada del Brusca e quella di Leverano. Poi sarà realizzato un ponte per l’attraversamento del canale Asso prima di arrivare alla strada per Avetrana e poi sulla statale 101 attraversando la via per Copertino e la provinciale 19. Lungo il tragitto saranno anche realizzati un sovrappasso per la condotta dell’acquedotto e un cavalcaferrovia per superare la tratta ferroviaria Nardò-Gallipoli delle ferrovie del Sud Est. “E’ un ulteriore passo avanti verso la realizzazione di un progetto del quale si parla ormai da diversi anni – ha dichiarato il sindaco Antonio Vaglio – ma che finalmente sembra aver imboccato la giusta direzione. L’eliminazione del traffico pesante che oggi interessa sia la zona del campo sportivo che quella di piazza Diaz, è di per se un grande risultato, al quale vanno aggiunti anche la diminuzione dei tempi per attraversare la città”. “La realizzazione dell’importante opera – ha aggiunto Mino Natalizio, assessore all’Urbanistica e all’Ambiente – porterà vantaggi notevoli in termini di risoluzione dei problemi del traffico che da tempo attanagliano la città. L’infrastruttura, infatti, garantirà un deflusso maggiore in specie modo del traffico pesante che oggi attraversa le vie cittadine. Anche dal punto di vista ambientale avremo indubbiamente dei benefici sia in termini di minore inquinamento ambientale che acustico”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!