Aggancio mancato

Con il Bologna il Lecce non va oltre il pari a reti inviolate e manca l'obiettivo di aggunatare la prima in classifica

Ottima la prestazione di Benussi, che sempre più diventa una certezza per tutta la squadra. In calo invece quelle di Tiribocchi e Diamoutene. Intanto inizia per il Lecce quello che sarà forse il mese più difficile del campionato. Sicuramente il più decisivo

Finalmente c’è il pubblico ad accogliere al via del Mare i giallorossi: ben 15 mila spettatori (il record stagionale) sono andati allo stadio questo sabato per assistere vedere Lecce-Bologna. Una gara sentitissima quindi, forse troppo, visto che quello di pubblico è l’unico successo fatto registrare oggi. I ragazzi di mister Papadopulo partono con grinta, si fa vedere già al primo minuto Valdes con un cross per Tiribocchi che alza la sfera sulla traversa. Il Bologna risponde in difesa e si fa vedere dalle parti di Benussi con un tiro di La vecchia, che l’estremo difensore giallorsso para in estensione. Nei primi minuti il gioco è sulle velocità. Ma già al 14’ appare evidente che il ritmo è calato le due squadre rallentano e giocano a prendersi le misure. Il Bologna si avvicina al tiro attorno al 22’, grazie anche ad una svista della difesa casalinga, ma il pallone finisce alto sulla traversa. Il Lecce risponde con un po’ di pressing ed un paio di tentativi di arrivare in porta ma alo steso tempo in fase difensiva commette un po’ troppi errori lasciando spazi agli avversari che però non sanno approfittarne. Sul finale del primo tempo il Bologna rischia l’autorete con una deviazione sul tiro di Tiribocchi. Le due squadre vanno poi negli spogliatoi ferme sul pareggio a reti inviolate. All’inizio della ripresa è subito Lecce, con Tiribocchi che al 2’ minuto di gioco tenta il tiro, che però va a finire sulla traversa, ma da stimolo alla squadra che inizia a pressare l’avversario e comprimerlo nella propria area. Ma il Bologna risponde ed al 17’ va vicinissimo al gol con Bucchi che in scivolata arriva in area e tira di prima, ma ancora una volta finisce alto sulla traversa. Ma è il Lecce ad avere poi due chiarissime (e sciupatissime ) occasioni da gol: al 25’ Tirinocchi si trascina la difesa avversaria, entra in area lasciandosi a terra un difensore bolognese e nell’uno contro uno, fallisce il tiro sparando la sfera proprio fuori dallo specchio della porta; al 28’ i giallorossi ottengono una punizione, Zanchetta è sulla sfera, l’esecuzione è magistrale, o quasi, visto che la sfera si staglia sulla traversa. Il ritmo partita cala nuovamente con il Bologna che pare quasi accontentarsi del pareggio ed un Lecce che vorrebbe ma non riesce a graffiare. Giusto allo scadere, tutto lo stadio spera ancora in capitan Zanchetta, quando viene assegnata una punizione al 46’ ma la distanza è veramente troppo, il capitano tira ma Antoniolli intercetta la sfera in direzione dell’incrocio dei pali e para.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!