Martano. Riapre lo sportello SIAE

Soddisfazione del sindaco

Grazie alla tenacia del sindaco di Martano Antonio Micaglio, da ieri è stato riaperto lo sportello S.I.A.E. a Martano

Il nuovo sportello SIAE avrà competenza per i comuni di Martano, Calimera, Caprarica, Carpignano Salentino, Castrignano dei Greci, Martignano, Melendugno, Bagnolo del Salento, Cannole, Cursi e Melpignano. Lo sportello era stato soppresso circa due anni fa, accorpandolo con quello di Galatina. L'amministrazione precedente, nonostante un'interrogazione della minoranza di centrosinistra, in particolare del consigliere Roberto Calò, non riuscì ad ottenere il ritorno del servizio in questo Comune. La “battaglia” si fermò ad un semplice ordine del giorno in Consiglio Comunale. La nuova Amministrazione, insediatasi nel giugno del 2007, ha da subito attivato tutti i canali istituzionali per far sì che l'Ufficio riaprisse, e che la cittadina di Martano potesse ritornare a svolgere a pieno il suo ruolo di centro di servizi. Oggi, alla luce del risultato ottenuto, il Sindaco e l'amministrazione non possono che esprimere grande soddisfazione e ritenere tale successo come il segno di un'inversione di tendenza, laddove, anzichè perdere servizi e chiudere uffici, gli stessi vengono recuperati, riattivati, potenziati e posti alla fruizione della cittadinanza. La scelta di ripristinare lo sportello in Martano, infatti, è da ricercare soprattutto nell’essere tale comune centrale rispetto al comprensorio indicato: si è voluto, insomma, non penalizzare l’utenza che potrà con maggior risparmio di tempi e risorse assolvere gli obblighi legati al Diritto d’Autore, alla normativa tributaria prevista per gli spettacoli e gli intrattenimenti, all’aspetto contributivo dei lavoratori dello spettacolo (Enpals). Lo sportello è stato riaperto da ieri in via Pozzelle (angolo via Piave), il martedì, il giovedì e il venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.30. Telefono e fax 0836/574479.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!