Fondi per la scuola di Boncore

Nardò per risanare l'immobile

Sono stati stanziati 350.000 euro in favore del Comune di Nardò dall’assessorato alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia diretto da Enzo Russo, per il recupero di un immobile rurale di Boncore

Si tratta, precisamente, della ristrutturazione della scuola elementare che avverrà attraverso i fondi Por Puglia 2000/2006 – Misura 2.2 “Tutela e valorizzazione del patrimonio rurale”. Il progetto di recupero era stato redatto dal Settore lavori pubblici e prevede la realizzazione di un centro polivalente di animazione, di ritrovo, di socializzazione, di informazione ed erogazione di servizi turistici, di esposizione e divulgazione di aspetti della civiltà contadina compresa la storia della lotta per l’assegnazione delle Terre d’Arneo, di informazione sulla lavorazione e trasformazione di prodotti locali con l’istituzione di scuole-bottega, ed anche per finalità turistico-culturali e di promozione del territorio. Con una determina del dirigente del Settore Agricoltura della Regione Puglia, è stato compiuto un ulteriore passo avanti per giungere al definitivo recupero della struttura, che dovrebbe essere ormai prossimo dal momento che la gara è in corso e dovrebbe terminare entro i primi 10 giorni di marzo. “E’ un intervento importante – ha dichiarato il sindaco Antonio Vaglio – dal momento che rappresenterà il centro di ritrovo per tutti gli abitanti della frazione, ma anche perché consentirà il recupero di un immobile rurale situato in pieno Arneo che fungerà da volano per la promozione territoriale e la divulgazione delle tradizioni contadine in terra d’Arneo”. “I lavori partiranno subito dopo l’apertura delle buste, prevista nei prossimi giorni – ha dichiarato l’assessore ai lavori pubblici, Cosimo Caputo – e in questo modo metteremo un ulteriore tassello verso il rilancio della frazione di Boncore. Se infatti i primi interventi hanno riguardato la sistemazione di alcune strade, il recupero dell’edificio scolastico è un altro segnale di attenzione che l’Amministrazione comunale rivolge alla frazione di Boncore”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!