Teleaccess 2008. Tappa a Casarano

In piazza la rete wifi

Ha fatto tappa a Casarano il meeting europeo Teleaccess 2008 grazie al quale la città si è dotata di un’area wifi

La possibilità di collegarsi ad internet senza fili con l’alta velocità e per giunta gratis è già possibile in piazza San Domenico proprio grazie al Teleaccess realizzato a Casarano in collaborazione con il Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri. L’incontro svoltosi ieri ha permesso di fare il punto della situazione grazie alla presenza di una nutrita delegazione di partner europei del progetto provenienti da Germania, Polonia, Grecia, Bulgaria e Croazia. Per l’Italia, oltre a Casarano, aderiscono al progetto le città di Narni, Perugia, Piegaro e Urbino. Nel corso della conferenza stampa svoltasi nell’aula consiliare è, inoltre, avvenuta la consegna di cinque personal computer portatili messi a disposizione della scuola media 3° Polo. Il sindaco Remigio Venuti ha poi evidenziato la centralità di piazza San Domenico e dello storico edificio scolastico prescelto affermando come “la possibilità offerta alla nostra città dal Ministero al fine di superare il ritardo nell’uso delle nuove tecnologie è stata da noi accolta con grande entusiasmo”. Venuti ha, inoltre, anticipato la prossima estensione del wifi ad altre aree della città. Luigi Galasso, referente della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha spiegato che “Casarano si è fatta preferire grazie ad uno studio di fattibilità che ne ha evidenziato le felici condizioni meteo” mentre le potenzialità del progetto sono state spiegate dal greco Joan Garofalakis, capodelegazione e responsabile del progetto europeo, per il quale “eccezionale è l’opportunità di confronto e di scambio culturale tra realtà diverse che si può realizzare con il teleaccess”. Il network coinvolge, infatti, diverse realtà geografiche tra le quali città come Dresda, in Germania, Stambolovo e Minerali Bani in Bulgaria, Vinckovci e Srkad in Croazia e Kato Achaia in Grecia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!