Lequile. La terra si apre

Tre auto finiscono nella voragine

Non ci sono stati danni alle persone. Solo qualche ammaccatura ai tre veicoli che sono finiti dentro la voragine. Probabile causa del cedimento potrebbe essere l'alta presenza di frantoi ipogei nella zona

La paura è stata tanta, ma fortunatamente non si sono verificati danni alle persone. E’ stata comunque una lunga mattinata, quella di ieri, a Dragoni, frazione di Lequile. Una voragine si è aperta in via Solano. Estesa il necessario perché venissero ingoiate tra vetture: una Fiat Bravo, una Y10 ed un furgoncino Ford. Sprofondate a circa un metro di profondità. Fortunatamente il tutto si è concluso con qualche ammaccatura ai veicoli e nessun danno alle persone. Dai primi sopralluoghi effettuati, pare che il cedimento del terreno sia stato determinato dalla massiccia presenza, nella zona, di frantoi ipogei, nel corso degli anni riempiti per poter edificare abitazioni. L’emergenza è rientrata nella stessa mattinata di ieri. Nulla a che vedere, fortunatamente, con le dimensioni della voragine di Gallipoli.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!