Addio a Pino Zimba

Si è spento ieri il tamburellista originario di Aradeo

Si è spento ieri il carismatico tamburellista e cantante salentino Pino Zimba, tra i fondatori del gruppo Officina Zoé e grande protagonista del pluripremiato “Sangue Vivo” di Edoardo Winspeare. Già da qualche settimana circolavano notizie sul suo pessimo stato di salute

Il mondo della musica popolare salentina perde uno dei suoi più carismatici protagonisti. Pino Zimba, 55enne tamburellista e cantante originario di Aradeo, è morto ieri. Già da qualche settimana circolavano notizie poco rassicuranti sul suo pessimo stato di salute. Straordinario tamburellista salentino, personaggio carismatico amatissimo dal pubblico, e anche grande protagonista nel pluripremiato “Sangue Vivo” di Edoardo Winspeare. Fino a pochi anni fa, Pino Zimba ha espresso il meglio della sua abilità nel gruppo salentino “Officina Zoè” (di cui è stato uno dei fondatori) partecipando a numerosi convegni e rassegne di musica etnica in Italia e all'estero. Abbandonato questo progetto, si è poi dedicato al suo nuovo gruppo “Zimbaria” (Rossano Ruggeri, chitarrino; Simone Longo, tamburello e voce; Salvatore Salentino, violino; Ines D'Ambrosio (zimba) voce e tamburello; Luisa Campa, voce e chitarra; Marco Dell'Anna, fisarmonica; Gabriella Morciano, voce e chitarra) con cui ha tenuto numerosi concerti nel Salento e in tutta Italia. I funerali si svolgeranno domani alle ore 15.30 ad Aradeo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!