Didarcheo al Museo

Evento al Castromediano

Riparte oggi il progetto “Didarcheo al Museo – Viaggio nel tempo alla scoperta del museo”, rivolto agli studenti fra gli 8 e i 13 anni delle scuole elementari e medie

L’iniziativa propone una visita interattiva del Museo provinciale Sigismondo Castromediano di Lecce che offre così un approccio innovativo alla alla storia del territorio e alla comprensione dei rilevanti reperti archeologici esposti al Museo, mettendo, così, i ragazzi a contatto con un’eredità culturale da conoscere e preservare. Anche quest’anno il progetto propone quattro percorsi, che si terranno nelle sale espositive che spaziano dalla preistoria fino all’età messapica: -1-Riconosci la Preistoria -2-A casa dei Messapi -3-Chi vuol essere Antropologo? -4-Di Vaso in Vaso. Ogni percorso avrà una durata di 3 ore e sarà articolato in 2 momenti, reading e workshop, durante i quali ad un'introduzione teorica e alla visita al museo, faranno seguito giochi e lavori di gruppo, con lo scopo di consolidare le conoscenze acquisite e sviluppare la creatività degli studenti. Il progetto, curato dall’Associazione Culturale Didarcheo, in collaborazione con il Museo Provinciale “S. Castromediano” e patrocinato dall’Assessorato al Diritto allo Studio della Regione Puglia, dalla Provincia di Lecce, giunge alla sua seconda edizione, sostenuto dai risultati ottenuti lo scorso anno, durante il quale sono stati coinvolti circa 500 ragazzi. I percorsi didattici saranno effettuati sino alla fine del mese di maggio 2008 e dovranno essere concordati con l’Associazione Culturale Didarcheo. Per Info e Prenotazioni: Associazione Culturale Didarcheo Corte dei Baroni 10/a – Lecce Tel. 339 3476962; 349 2888954 Sito web: www.didarcheo.it E-mail: [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!