Abusivismo edilizio

Scattano le denunce

Un bracciante agricolo di Castrignano del Capo ed una casalinga di Ruffano sono stati denunciati per abusivismo edilizio in seguito ai controlli dei carabinieri di Tricase e della stazione di Castrignano del Capo

Sono scattate le denunce per abusivismo edilizio per un bracciante agricolo di 56 anni e una donna 46enne. Nel primo caso l'intervento, ed il successivo sequestro, ha riguardato una struttura allo stato rustico realizzata a 300 metri dal mare, in località Salatelle, nel territorio del comune di Castrignano del Capo. La zona infatti è riservata alla realizzazione di attrezzature balneari e nautiche o comunque complementari al turismo. Inoltre la zona è soggetta a vincolo paesaggistico ed idrogeologico. L'abuso e' consistito nell'aver edificato un'abitazione di 6 vani e servizi per complessivi 120 metri quadrati senza la dovuta autorizzazione per la costruzione. Per la donna di Ruffano invece la denuncia ha interessato un abuso sempre in località salatelle, ma in un'area ricadente nel territorio di Patu' ed a circa 400 metri dal mare. Era stato in effetti edificato un primo fabbricato di circa 80 metri quadrati in difformità rispetto a quanto autorizzato ed un porticato con annesso deposito completamente abusivi. In questo caso i lavori erano stati ultimati.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!