Tutto a posto sulla strada provinciale 363?

Nuovi lavori di viabilità

I problemi che investono i lavori della strada provinciale 363 non finiscono proprio mai. Ecco casa ne pensa un nostro lettore

Come è noto, sulla SP 363, fra Maglie e Poggiardo, trovasi da mesi chiuso al traffico un breve tratto, all’altezza del giardino botanico la cutura: sono difatti in corso lavori nelle aree laterali, forse per viabilità complanare, bretelle d’attraversamento o interventi di sicurezza. Sennonché, da alcuni giorni, a breve distanza, è stato chiuso un altro tratto, precisamente in prossimità degli svincoli per Sanarica e Giuggianello, ove la carreggiata della 363 sormonta la strada che collega le anzidette due località mediante un apposito viadotto. Percorrendo le deviazioni obbligatorie, si passa sotto tale manufatto e si ha così modo di notare da vicino che la facciata inferiore è celata alla vista, ricoperta com’è da un gran telo di plastica, forse in corrispondenza di qualche cedimento e per proteggere gli automobilisti da eventuali cadute di detriti. Mette conto di rilevare che l’opera viaria in questione non è particolarmente obsoleta, ma risale, più o meno, ad una trentina di anni fa. Senza voler attivare allarmismi o paure infondate, alla luce però delle spiacevoli situazioni recentemente emerse in Sicilia con il coinvolgimento della calcestruzzi, sorge spontaneo domandarsi, e chiedere espressa conferma, se, nella struttura del SP 363 e dell’intera rete stradale della Provincia di Lecce, la componente cemento sia o no nella norma. Rocco Boccadamo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!