Alla posta, in coda

Problema sportello 14

Il problema dello sportello 14 alla posta centrale di Lecce. Lunghe attese per ritirare la posta che si spera vengano presto risolte

Permangono, con comprensibili reazioni di disappunto e irritazione da parte degli utenti, le lunghe code allo sportello 14 dell’ufficio postale Lecce Centro, per ritirare la corrispondenza raccomandata o assicurata non recapitata a domicilio. Ciò, nonostante le segnalazioni e rimostranze già fatte in proposito, quasi, insomma, che nessuno volesse prendersi cura del problema e cercare di porvi rimedio. Ad onor del vero, l’addetta allo sportello si fa in quattro, dà l’anima e, in talune fasi, le presta, lodevolmente, una mano la collega dell’attiguo sportello 15 “Grandi utenti”. Il guaio è, purtroppo, che un’altra dipendente, adibita allo sportello 13 Filatelia anch’esso posto lì a fianco, la quale ha normalmente pochissimi clienti e di conseguenza pause d’inattività, pur vedendo benissimo le estenuanti code nella sala dimostra d’infischiarsene totalmente e, quando il pubblico la sollecita a collaborare, si chiama semplicemente fuori. Sabato 2 febbraio, a me, ha risposto con il classico “si rivolga al direttore” e, notando che insistevo, ha pensato bene di allontanarsi del tutto dalla postazione. Sono stato in fila dalle 11,15 alle 11,45, ma auspico che le cose possano, presto, cambiare in meglio. Rocco Boccadamo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!