Barba. “Spazio per la scuola di via Torino”

L'ex sindaco difende la scuola

Vincenzo Barba, ex sindaco di Gallipoli e Senatore della Repubblica replica sull'uso di alcuni locali della scuola di via Torino adibiti per attività non inerenti la scuola

Possibile che gli edifici della scuola di Via Torino debbano essere sempre al centro delle pretese di qualcuno che per un motivo o per un altro vuole inserire dentro a quegli spazi dedicati ai nostri bambini e ai nostri futuri cittadini altre attività che con l’infanzia non hanno niente a che fare? Si deve per forza giungere alla accorata protesta dei genitori per capire che la scuola è un luogo sacro e che i piccoli hanno bisogno di essere formati ed educati in uno spazio tutto per loro senza intrusioni e intromissioni di sorta? Che senso ha il solo pensare di poter adibire parte del plesso di Via Torino agli uffici della cabina di pilotaggio dei Piani di Zona di cui Gallipoli è capofila? È questo l’ennesimo danno dell’assenza, nella nostra città, di un governo politico che certamente non avrebbe mai acconsentito che nei locali adibiti alla cultura e formazione dei nostri bambini si potesse inserire in tutti i modi ogni altro tipo di attività. È la sensibilità civica che ci porta a dire che i genitori di quei fanciulli non sarebbero mai sicuri se sapessero che negli edifici della scuola dei loro figli ci fossero altri uffici con il fisiologico via vai che ciò comporta. Perché togliere spazi ai ragazzi e serenità alle famiglie quando si potrebbero individuare tanti altri siti di proprietà del Comune da adibire e dedicare a ogni tipo di attività a cui si vuole e si deve legittimamente dar vita? Ma a tutti questi interrogativi di una semplice, ma organizzata buona amministrazione può rispondere solo un governo politico che ha sensibilità progettuale, managerialità nell’esecuzione dei programmi, conoscenza perfetta del sentire della nostra gente e della nostra popolazione. Plaudo, pertanto, anche all’iniziativa del Prof. Ing. Enzo Benvenga che della protesta dei genitori si sta facendo portavoce con sapienza educativa e lungimiranza. Da parte mia l’impegno a mettere a disposizione di chi ora sta prendendo queste scelte la personale e oggettiva conoscenza del territorio al solo fine di consigliare altre location di proprietà del Comune da adibire alle varie iniziative, con la preghiera, tuttavia, di lasciare i bambini di Via Torino a continuare il loro percorso formativo nella serenità e nella tranquillità di quegli spazi che sono loro e che alla loro crescita devono essere destinati. Vincenzo Barba Ex sindaco di Gallipoli, Senatore della Repubblica

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!