Quante storie per un caffè con Nasca teatro

Nuovo appuntamento al caffè letterario

Sesto appuntamento questa sera alle 22.30 con la rassegna Quante Storie per un Caffè realizzata dagli allievi del laboratorio di formazione teatrale di Nasca teatri di terra

Nasca teatro presenta un estratto del suo spettacolo Salento-spoon river a/r nello spazio artistico del Caffè Letterario di Lecce in via Paladini 46, un’apprezzata produzione della compagnia Nasca Teatri di Terra. Si tratta di cinque storie, stralciate dallo spettacolo Salento-spoon rive a/r, interpretate da alcuni allievi del laboratorio di formazione Fuoriscena (biennio 2005/2007). Lo spettacolo, che fa parte della rassegna Quante storie per un Caffè, è liberamente tratto dall’antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters, una raccolta di poesie che l’autore americano pubblicò, tra il 1914 e il 1915, sul “Mirror” di St. Louis. Ogni poesia narra, in forma di epitaffio, la vita di una delle persone sepolte nel cimitero di un piccolo paesino della provincia americana. L’adattamento teatrale di Nasca non tradisce in alcun modo la tragicità e la forza del testo originale, anzi vi conferisce pathos. Nell’ambiente raccolto del Caffè Letterario, il pubblico sarà certamente partecipe, in maniera molto diretta ed immediata, di questa rappresentazione, la cui regia porta la firma di Ippolito Chiarello, con l'aiuto regia di Cecilia Maffei. Come per tutti gli appuntamenti della rassegna del Caffè Letterario, la parentesi teatrale avrà una durata di circa mezz’ora. Ingresso gratuito. Info: Ufficio stampa CAFFE’ LETTERARIO – Martina Gaetani Tel/fax 0832 342207 [email protected] [email protected] NASCA teatri di terra c/o CINETEATRO db d'Essai Via dei Salesiani, 4 – LECCE tel/fax 0832.520862 cell. 349.57.69.458 Mail: [email protected] [email protected] www.ippolitochiarello.it

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!