Lecce tra filobus e trasporti

Il parere di Forza Italia

Antonio Pellegrino Segretario Cittadino del Coordinamento Forza Italia di Lecce, si esprime sulla questione filobus e trasporti a Lecce

Qualsiasi attacco preventivo o postumo alla cosiddetta metropolitana di superficie di Lecce appare del tutto pretestuoso e privo di respiro, tuttavia mi sembra miope uno sguardo riferito solo ed esclusivamente all’inaugurazione del filobus. Questo strumento di comunicazione trasportistica urbana è e deve essere solo una parte del nostro sistema di trasporti pubblici, pertanto è fuorviante e improduttivo concentrare tutta la nostra attenzione sul filobus come se si trattasse della cura di tutti i mali. Il territorio cittadino ha bisogno del filobus all’interno di una nuova e più moderna configurazione del quadro urbano, che possa vedere ridotti volumi di traffico all’interno dei viali e che possa puntare sui parcheggi, quelli esistenti e quelli che verranno. Eh si, perché in questa nostra amata città d’arte abbiamo pensato a fare tutto ma forse abbiamo trascurato la necessità ineludibile di creare nuove aree di sosta, parcheggi in grado di sopperire alle endemiche carenze strutturali riferite ad una impostazione urbanistica d’altri tempi. Solo se il trasporto pubblico sarà assecondato dalla disciplina e dal senso civico degli automobilisti potremo dire di aver vinto la battaglia altrimenti è chiaro che il filobus non potrà appagare i bisogni diffusi del trasporto leccese. Chi avanza critiche urbi et orbi senza valutare queste attenuanti fa solo sfoggio di saccenteria dimenticando il bene della città. Antonio Pellegrino Segretario Cittadino, Coordinamento Cittadino Forza Italia di Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!