Dall’integrazione scolastica all’inclusione

Seminario di formazione a Brindisi

Si svolgerà domani dalle 15.30 alle 19.30, presso l’Aula Magna della scuola Giulio Cesare di Brindisi, il seminario “elaborare il PEI per una rganizzazione efficace che accolga tutti i bisogni educativi speciali in una prospettiva inclusiva”

Organizzato dall’Associazione professionale Proteo Fare Sapere, in collaborazione con la FLC-CGIL si svolgerà nel pomeriggio di domani il seminario di formazione, propedeuticamente pensato in successione a quello svoltosi martedì 30 ottobre 2007, con Giancarlo Onger. Il programma dei lavori registrerà l’autorevole presenza di Dario Janes, Direttore del Centro Studi Erickson, nonché docente presso la cattedra di Pedagogia speciale dell’Università di Bolzano e membro dell’Osservatorio nazionale sull’integrazione. L’iniziativa di aggiornamento in parola, aperta al personale della scuola del Grande Salento (Brindisi, Taranto, Lecce) e riconosciuta dall’Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia con Nota – Prot. n. 265 – del 10.01.2008, mirerà principalmente a implementare riflessioni su efficaci elaborazioni degli indicatori di qualità per l’integrazione, all’interno di un PEI efficace e rispondente ai bisogni educativi speciali di tutti e di ciascuno, nella logica del successo formativo. Le proposte di situazione didattico-pedagogiche coinvolgeranno dirigenti, docenti curricolari e di sostegno, associazionismo delle famiglie, operatori socio-sanitari ed enti operanti nel territorio. Una scuola inclusiva rileva Mario Carolla, Presidente Proteo Fare Sapere di Brindisi – è patrimonio tutti, in quanto rispondente ai bisogni di ognuno e finalizzata alla valorizzazione delle differenze. In una scuola fondata sull’autonomia, infatti, occorrono efficaci strumenti di verifica dei processi attivati, in vista di tappe intenzionali e sistematiche di monitoraggio degli esiti formativi. Ciò vale per tutti e, in modo particolare, per gli alunni disabili o in difficoltà di apprendimento. Paolo Palomba

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!