Un percorso pedagogico per insegnare la Shoah

Conferenza di Cecilia Cohen Hemsi

Questo pomeriggio alle ore 16:30, presso la biblioteca dell’istituto Pietro Siciliani di Lecce, si svolgerà una conferenza tematica dal titolo “Insegnare la Shoah oggi, definizione di un percorso pedagogico”

Promosso in collaborazione con Alliance Française e Lang-Pearson Paravia Bruno Mondatori Editrice, l’evento prevede l’intervento di Cecilia Cohen Hemsi, in arrivo da Gerusalemme, sua città di residenza, per la Settimana della Memoria 2008. L’iniziativa, aperta ai vari pubblici di contesto e agli organi locali d’informazione, è rivolta principalmente ai docenti dell’area linguistica, umanistica e pedagogica del Salento, nel quadro dei processi di sensibilizzazione alle dinamiche della progettazione curricolare. Cecilia Hemsi Cohen, nata ad Alessandria d’Egitto, inizia da bambina la sua peregrinazione con l'espulsione (1956) e il trasferimento della famiglia a Milano, in quanto figlia di un giornalista ebreo. Divenuta insegnante, si specializza in letteratura francese; segue i rapporti con il centro di documentazione di Auschwitz, per conto del quale organizza visite educative, orientate a descrivere le atrocità vissute nei campi di sterminio. Attualmente è docente di letteratura francese presso l’Università Ebraica di Gerusalemme; a livello professionale ha già curato la creazione di numerosi romanzi, in cui ripercorre quelle tristi tappe dell’antisemitismo, che portarono alla scomparsa di sei milioni di ebrei. Partendo dall'esperieza di Elie Diesel – Premio Nobel per la Pace (1986)-, imprigionato a quindici anni con il padre, la madre e tre sorelle ad Auschwitz e poi a Buchenwald -, la scrittrice propone una lettura critica degli avvenimenti in questione, focalizzando le molteplici problematiche correlate ad ogni forma di ingiustizia, sofferenza, eccidio, segregazione e avversione nei confronti della razza israelita. ?Da circa tre anni – fa presente Julie Gréco, consulente pedagogico Lang – la professoressa Cohen partecipa ad incontri organizzati con docenti e alunni delle scuole italiane, per analizzare, da un punto di vista storico la SHOAH, promuovendo una lettura critica e comparata di opere elaborate sul topic dell’antisemitismo, alla ricerca delle radici perdute”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!