Il deputato Mele. Sadico libertino o vittima?

Cosa è rimasto dopo il processo

Cosa è rimasto al deputato Mele dopo aver ricevuto il processo per esser stato trovato in possesso di droga ed in “bella” compagnia?

Nel Brindisino, come pure nel resto della Puglia, è diffusa la venerazione dei Santi Medici, particolarmente di S. Cosimo, in onore del quale, nelle vicinanze della bellissima cittadina di Oria, trovasi eretto un santuario, giustappunto S. Cosimo alla Macchia, un tempo circondato da boscaglia. A mio avviso, in aggiunta all’anzidetto santo, martire del 3° secolo, vi è ora titolo per annoverarne un altro, omonimo, in carne ed ossa e vitale, “san” Cosimo Mele (alias “san” Cosimo al pelo), il parlamentare UDC di Carovigno / Ostuni, resosi protagonista, la scorsa estate, di una torrida notte di sesso a compenso, sembra con abbinate pozioni tirami su. Come è notissimo, per un’imprevista appendice del rendez-vous, a carico del Nostro si è immediatamente scatenato un furibondo processo, consumato in quattro e quattro otto con il suo supplizio sacrificio sul patibolo della gogna mediatica. Quasi che fosse stato l’unico pulcino nero fra migliaia di galletti politicanti tutti casa e chiesa e adamantini. Va là, finanche i ciechi e gli analfabeti vedono e leggono la realtà vera che, salvo eccezioni, si dipana e scorre accanto al mondo dei politici e pubblici amministratori quando, poi, se sono esatte le recenti cronache dei giornali, il libertino Mele, alla fine, ha rischiato addirittura di subire, dalla sua musa dell’hotel Flora, un ricatto non da poco. Rocco Boccadamo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!