Premio Michelin per la Masseria Panareo

La struttura tra gli alberghi ameni

Prestigioso riconoscimento alla Masseria Panareo di Otranto. La 53a edizione della Guida Michelin Italiana ha inserito per la prima volta quest’anno la struttura, posizionandola nella categoria “Alberghi Ameni”

Si tratta di una sezione all’interno della Guida dove sono inserite poche selezionate dimore in tutta Italia, che meritano questa speciale menzione grazie alle caratteristiche dell’edificio, alle decorazioni non comuni, alla posizione e al servizio offerto. Queste le parole scelte dagli autori della Guida per descrivere Masseria Panareo: ”Un antico eremo ospita questa bella masseria, interamente ristrutturata, ubicata in aperta campagna, ma non troppo lontana dal mare. Moderna piscina con bella terrazza-solarium per momenti di piacevole relax” Tra le segnalazioni particolari: la vista eccezionale e la definizione di albergo molto tranquillo. E non poteva essere diversamente. Soggiornare qui vuol dire “rifugiarsi” in campagna tra gli ulivi, in un luogo magico proprio di fronte alla Torre di S. Emiliano. La storia si perde nella notte dei tempi, basti pensare che nel XIII secolo lavoravano nella masseria i monaci basiliani della vicina Abbazia di San Nicola di Casole. Ne sono testimoni il corpo più antico della masseria in pietra (1200) e il sistema di grotte bizantine rinvenute nella tenuta. Altri fabbricati furono aggiunti alla casa colonica nei secoli successivi, nel ‘700 e poi all’inizio del ‘900, come la stalla/granaio, che oggi ospita il ristorante, con volte e pareti in pietra leccese e le “pajare”, trasformate in camere, che si affacciano su una corte interna. Si può soggiornare, scegliendo di dormire in una delle 17 camere, o ci si può recare anche solo per provare la cucina del ristorante che riserva piacevoli sorprese. Info: Masseria Panareo, tel. 0836.812999, www.masseriapanareo.com

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!