Verdi. Rinnovo delle cariche

Il partito conferma il presidente

L’associazione dei Verdi di Casarano ha confermato Massimo Del Genio, presidente uscente, alla guida del movimento

L’assemblea degli iscritti, che si è tenuta l’altro ieri nella sede di corso XX Settembre 16, lo ha rieletto all’unanimità. I Verdi hanno anche provveduto a rinnovare il direttivo e le altre cariche politiche. Vice presidenti sono stati nominati Giovanni Fracasso e Massimo Villa; Gino Guglielmo è il nuovo tesoriere, mentre il segretario è Paolo De Luca. Nel Direttivo del movimento sono stati confermati: Paolo Bandiello, Pasquale Grassi, Pier Paolo D’Aquino, Alessandra Casto, Claudio Antonaci, Cristian Lupo ed Oreste Marrazza; a questi si sono aggiunti: Giuseppe Quarta, Ornella D’Urso, Mario D’Aquino, Cristina Patrignani, Fabrizio Sabato, Walter Micaletto, Maurizio D’Astore e Bashkim Rushani. L’assessore all’Ambiente, Marcello Torsello, e il consigliere comunale, Leda Schirinzi, fanno parte di diritto del Direttivo. Soddisfatto, e non solo per la riconferma, il presidente. “Il nostro movimento a Casarano è ormai una realtà – ha commentato Del Genio – che, grazie alle tante persone coinvolte direttamente ed alle tante altre vicine alle problematiche ambientali, ha raggiunto un consenso con cifra percentuale a due numeri; ma se molto è stato fatto, ancora tanto resta da fare.Con le nostre figure istituzionali – ha rilevato il presidente – abbiamo programmato per il 2008 diverse iniziative tese principalmente a dare una maggiore incisività alla tutela dell’ambiente, inteso come salvaguardia della salute pubblica, patrimonio naturale della nostra e delle generazioni future, alla gestione dello stesso come fattore di sviluppo economico e risorsa occupazionale alternativa ed aggiuntiva”. La programmazione per l’anno in corso prevede una serie di iniziative: il biomonitoraggio della qualità dell’aria; la realizzazione del piano di localizzazione delle stazioni radio base per combattere l’elettrosmog e le speculazioni connesse ad “antenna selvaggia”; l’acquisto del terreno per la realizzazione del “Parco dei poeti”; la redazione di un registro per il censimento dei monumentali e plurisecolari alberi d’ulivo; la costruzione del parco-canile comunale; l’eliminazione dei pericoli causati dal guano dei colombi; la progettazione del Piano Regolatore dell’Illuminazione Comunale; la progettazione del Piano Energetico Comunale; l’installazione dei pannelli fotovoltaici su tutti gli edifici comunali; l’installazione dei pannelli solari sulle palestre degli edifici scolastici comunali, sullo stadio e sul palazzetto dello sport; la lotta all’amianto; l’istituzione di un servizio di vigilanza ambientale atto a prevenire e reprimere lo smaltimento dei rifiuti pericolosi. Il movimento ha, tra l’altro, attivato un gruppo di lavoro composto da vari specialisti che affronterà il tema della centrale a biomasse.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!