Finanziamenti per la Nuova Nardò Calcio

L'opposizione comunale attacca

Gregorio Dell'Anna, esponente della coalizione di Centrodestra al comune di Nardò, si schiera contro la decisione dell'amministrazione comunale di finanziare la squadra di calcio

Il contributo concesso in questi giorni alla squadra di calcio Nuova Nardò deliberato dal consiglio comunale quale sostegno alla promozione del marchio “Nardò città d’arte”, non serviva per questo nobile scopo ma per rimborsare parte di denaro anticipato dal presidente della società Nuova Nardò Calcio. Il presidente Proto al fine di rendere agibile il manto erboso dello stadio si è dovuto sostituire all’amministrazione comunale ed ha realizzato un intervento che non era di sua pertinenza. È stato costretto a farlo al fine di assicurare per la stagione la regolare attività agonistica alla squadra. È preoccupante quanto emerge dal comunicato stampa del presidente Proto e ciò ci dà molto da pensare. In primavera quando era necessario infatuare i tifosi Vaglio e compagni hanno sfoggiato un imprenditore a cui affidare le sorti della Nuova Nardò Calcio proponendolo come salvatore del calcio neretino. Dalle promesse fatte prima delle elezioni, passata la scadenza, non c’è stato alcun riscontro tanto che il presidente Proto nel corso del campionato si è sentito sempre di più sedotto, tradito ed abbandonato. Oggi scopriamo che addirittura il ripristino del manto erboso dello stadio di proprietà comunale tanto pubblicizzato da Vaglio e compagni è stato realizzato con i soldi del Sig. Proto. A che gioco stiamo giocando? Ormai non c’è ritegno. Anche il calcio è stato sacrificato per mera speculazione elettorale. Quanto è stato perpetrato dall’amministrazione comunale è illegittimo e scandaloso. Rino Dell’Anna Esponente di centrodestra comune di Nardò

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!