Decreti ingiuntivi di ASEA

MDC chiede un dibattito

Stanno giungendo a molti cittadini leccesi decreti ingiuntivi da parte di ASEA S.R.L. per verifiche effettuate dal 2001 in poi. Luigi Mariano, presidente della MDC Lecce chiede una riunione della Commissione paritetica per discutere del problema

In prossimità delle vacanze natalizie sono stati notificati a molti cittadini leccesi decreti ingiuntivi da parte della ASEA Srl. Come potrete riscontrare dall’atto che alleghiamo oltre all’importo di € 103,29 i cittadini dovranno pagare l’ulteriore somma di € 184,00 per spese legali, oltre IVA cap e spese generali, per un totale complessivo di € 372,27. La cosa che più ci sorprende è che l’iniziativa dell’ASEA non è stata preventivamente esaminata e discussa dalla Commissione Paritetica Comune di Lecce, Asea, Manutentori ed Associazioni dei Consumatori istituita presso l’Assessorato Ambiente del Comune di Lecce. Chiediamo di voler convocare, nel giro di pochi giorni, la Commissione Paritetica e di imporre alla ASEA di comunicare ad horas il numero dei decreti ingiuntivi che ha deciso di attivare. Vi chiediamo di volerci comunicare formalmente se l’Assessore Garrisi e la Presidente Brandi erano stati informati da ASEA sull’iniziativa legale che aveva intenzione di intraprendere. Invitiamo ASEA a voler sospendere ogni iniziativa per il recupero coattivo dei suoi eventuali crediti prima che si sia riunita la Commissione Paritetica per concordare modalità bonarie e procedure conciliative per il recupero di quanto ASEA asserisce doverle essere versato dai cittadini leccesi. Chiediamo che ASEA fornisca ad horas alle Associazioni dei Consumatori i dati relativi agli importi che ritiene essergli dovuti e censuriamo con fermezza il suo comportamento dichiarandoci pronti ad intraprendere nei suoi confronti tutte le iniziative più opportune ed idonee per farla recedere da atti che, pur se formalmente legittimi, riteniamo lesivi degli interessi di molti nostri concittadini. Luigi Mariano Presidente MDC Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!