Gli indennizzi ai viaggiatori del Lecce-Roma

A pagare non sia solo pantalone

E' giusto il risarcimento che Trenitalia ha deciso di consegnare ai viaggiatori del treno che da Lecce ha impiegato circa venti ore per raggiungere Roma? Ecco cosa ne pensa un nostro lettore

Sgorga spontaneo e, credo, diffuso moto di contentezza per il risarcimento riconosciuto ai 450 passeggeri dell´eurostar Lecce- Roma, a fronte dei patimenti e disagi da loro subiti durante lo scandaloso calvario di quasi venti ore sulla strada ferrata. Anche se ci troviamo sotto Natale, non tutto deve però esaurirsi in un fasullo clima di “volemose bene”. Difatti, sembra che la incredibile disavventura non sia dipesa unicamente o prevalentemente da imprevedibili calamitá naturali o cause di forza maggiore a catena, ma che, nel corso di quella lunghissima sequenza di pomeriggio – sera – nottata, molte cose non abbiano funzionato a dovere: come dire che si affaccerebbero ombre di responsabilità ed omissioni. E’ bene, perciò, che si accerti con serietà e rigore come si sono svolte le cose e, qualora dovessero emergere indiscutibili colpe, non si esiti a prendere gli opportuni provvedimenti. Non dico che i 350.000 – 400.000 euro non debbano “toccare” minimamente il conto economico di Trenitalia e, quindi, i conti dello Stato e, quindi, le tasche della collettività, pur tuttavia, presentandosene gli estremi, qualche esempio concreto, che valga da insegnamento, sarebbe proprio il caso di darlo. Rocco Boccadamo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!