Il prezzo di un carciofo

Il caro prezzi alle porte del Natale

Quanto costa oggi fare la spesa quotidiana? Come ha inciso il caro prezzi nella nostra vita? Facciamo un pò di conti in tasca partendo da un carciofo

Chi poteva mai immaginare che l’acquisto di un carciofo sarebbe arrivato ad incidere significativamente sulla nota della spesa quotidiana di una massaia? Invece, nell’approssimarsi di questo Natale, tale impensabile traguardo è stato raggiunto, giacché, come riferito martedì 18 dicembre dal telegiornale delle tredici di Canale 5, sui banchi di un mercato romano di frutta e verdura, il carciofo, giustappunto il carciofo, ha quotato la bellezza di 1,50 euro a pezzo. Insomma, il diabolico e distruttivo fenomeno del rincaro dei prezzi, senza ritegno e/o giustificazione, ha toccato finanche l’ambiente del mercato rionale, tradizionalmente sito di condizioni più accessibili e calmierate, a beneficio della gente comune e di buona volontà non necessariamente dipendente da certe frutterie – gioiellerie. Chi scrive, ben conoscendo le realtà della capitale per avervi a lungo dimorato, si rammarica per siffatte degenerazioni commerciali, ancorché concernenti, nella circostanza, un piccolo e singolo prodotto. Il fatto è, purtroppo, che si tratta del milionesimo segnale di corsa all’impazzata dei listini a carattere generale. Nè si consola notando che, stamani a Lecce, in un supermercato, ha potuto comprare la stessa merce a 0,60 euro a pezzo. Si chiede ironicamente: il carciofo del mercato rionale di Roma, rispetto a quello di qui, è forse placcato d’oro? Rocco Boccadamo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!