Leggere il territorio con un SIT

Strumenti per la pianificazione d’area vasta

Si svolgerà venerdì 21 a Casarano la presentazione del S.I.T. di area sistema e del protocollo d’intesa con Regione Puglia e Provincia

Interrogare il territorio con un solo click per poterne ricavare tutte le informazioni utili alla pianificazione urbanistica e strategica, al monitoraggio ambientale, alle verifiche catastali e fiscali, e riuscire in tal modo a semplificare i procedimenti amministrativi ed erogare a cittadini e imprese servizi migliori, più equi ed efficienti. E’ il Sistema Informativo Territoriale realizzato nell’ambito del Centro Servizi Territoriale da Area Sistema di Casarano&Comuni Associati, primo SIT sovra comunale nella Regione Puglia, fruibile dai comuni aderenti alla Società consortile e che sarà presentato venerdì prossimo 21 dicembre, a Casarano, Sala convegni Cisi, Zona industriale. “Leggere un territorio. Strumenti per la pianificazione d’Area Vasta” è il tema del workshop che si aprirà alle 9.30, con gli interventi di Remigio Venuti, sindaco di Casarano e presidente di “Area Sistema” e di Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia di Lecce, per entrare poi nel vivo della materia con il work shop tecnico. Obiettivo, offrire una panoramica esaustiva dei differenti Sistemi informativi territoriali, ma soprattutto illustrare ad amministratori e responsabili degli Uffici tecnici le infinite possibilità offerte. Ad aprire il work shop Assunta De Santis, responsabile Centro Servizi Territoriale di Area Sistema, cui seguiranno gli interventi di Andrea Carrozzo, direttore tecnico S.I.T. Area Sistema, Tina Caroppo, Tecnopolis, responsabile S.I.T. Regione Puglia, Gianni Refolo, dirigente Settore Territorio e Ambiente della Provincia di Lecce, Salvatore Mininanni, architetto pianificatore, coordinatore Lecce Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale. Conclusioni della giornata affidate ad Angela Barbanente, assessore Urbanistica e Assetto del Territorio, Regione Puglia. Nel corso del Workshop sarà presentato il Protocollo d’intesa tra Regione Puglia, Provincia di Lecce, Area Sistema Casarano, mirante a sperimentare attraverso il SIT, servizi di supporto ai Comuni per la redazione dei Piani urbanistici generali. “Utilizzato attualmente dai tecnici comunali dei Comuni associati”, dice Remigio Venuti, presidente della società “Area Sistema”, “il SIT potrà essere a breve aperto, per alcuni strati informativi, alla fruizione di professionisti e cittadini. Inoltre integrandosi con i servizi, di prossima realizzazione, del Polo catastale associato, rappresenterà per il territorio del Basso Salento un servizio avanzato per il governo del territorio. Coerente con tutte le azioni che in questi anni ha sviluppato “Area Sistema” di forte sostegno alle attività dei Comuni e integrazione con quanto attivato singolarmente, il Sistema Informativo Territoriale realizzato nell’ambito del CST rappresenta un strumento nevralgico non solo per leggere il territorio nella sua attualità, ma soprattutto per governarne la crescita e lo sviluppo, tenendo fede alla sostenibilità e alla compatibilità”. Ma cos’è come funziona esattamente il Sistema informativo Territoriale di Area Sistema? Si tratta di una piattaforma tecnologica per la gestione dei dati territoriali pensata sia per un livello di definizione del dettaglio a scala comunale che per un livello di area vasta comprendente tutti i Comuni associati. È composto da una base cartografica vettoriale (CTPN scala 1:10.000 e Aerofotogrammetrie al 1:2.000) e raster (Ortofoto scala 1:5.000) sulla quale sono stati georeferenziati sia gli strumenti di tutti i livelli di pianificazione urbanistica che la componente vettoriale del dato catastale. All'elemento grafico sono state associate per ciascun Comune una serie di Banche Dati; dalla normativa urbanistica alla BD alfanumerica del catasto, all'anagrafe comunale, alle pratiche edilizie, fino alle banche dati ICI e Tarsu. Il sistema così implementato consente quindi di interrogare il territorio a partire da un doppio click sulla cartografia restituendo tutte le BD ad esso riconducibili messe “a sistema” e consente inoltre di rilasciare in tempo reale il Certificato di Destinazione urbanistica e Visura catastale. Le diverse modalità di consultazione del SIT, l'accesso al repository ed al download dei dati sono stati pensati in maniera differente in base alla tipologia di utente: impiegato comunale, amministratore, libero professionista e cittadino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!