Assemblea giovani imprenditori Confindustria

Bilancio di fine anno

Si è concluso con l’assemblea annuale, tenutasi la scorsa settimana presso la sede sociale di Confindustria Lecce, un 2007 di intensa attività per il Gruppo dei Giovani Imprenditori. Scopo dell’incontro è stato quello di illustrare i particolari di un anno trascorso a programmare, pianificare ed attuare una serie di iniziative che, pur spaziando in diversi settori, si sono svolte con un comune denominatore: “contribuire a riposizionare la figura dell’imprenditore nell’opinione pubblica, con un’attenzione particolare alle nuove generazioni”

“Non attività isolate, quindi – ha spiegato il presidente del GGI Ennio Montinaro – ma pianificate in un progetto di Marketing Associativo chiamato ‘L’imprenditore è valore’, con il quale il Gruppo Giovani di Confindustria Lecce partecipa ad un concorso nazionale. Un progetto organico che sta rivelando l’esistenza di un mercato ‘potenziale’ della giovane rappresentanza d’impresa molto ampio, nel quale la Confindustria di oggi ha grandi margini di crescita”. Il marketing associativo dei GI di Lecce, si concretizza nella valorizzazione della comunicazione, elemento strategico concepito non meramente come sommatoria di iniziative di visibilità, ma come percorso pianificato, capace di “seminare” nel territorio messaggi, proposte ed iniziative caratterizzati da forte appeal nei confronti dei giovani, imprenditori e non. “E messaggi forti – continua Montinaro – sono stati inviati al territorio durante tutto il 2007 partendo da un concerto di musica lirica organizzato con finalità benefiche e al netto delle solite location, ma in uno stabilimento balneare. Sono state organizzate poi attività formative in campo finanziario rivolte ai giovani imprenditori e seminari di approfondimento sugli strumenti e le pratiche finanziarie innovative, private equity e leveraged buy-out in particolare; perché se è vero che anche di una nuova cultura ha bisogno la futura classe imprenditoriale, non c’è dubbio che questa debba essere di tipo manageriale”. Un anno, dunque, trascorso comunicando sia con il sistema confindustriale che con il territorio: nel primo caso cercando di avvicinare al movimento giovanile gli imprenditori che si riconoscono nello spirito e nei valori associativi; nel secondo caso, cercando di trasmettere all’esterno almeno una parte di tutto ciò che degli imprenditori non si conosce e cioè un mondo fatto di competizione, di corsa all’innovazione, di collaborazione/concorrenza, ma anche di apprensione, incertezza ed uno spirito di abnegazione immenso, se si riesce ad operare perfino nelle condizioni generali attuali. “Una scelta strategica –conclude il presidente GI Montinaro- quella di individuare nei giovani il target di riferimento dell’azione di Confindustria Lecce sul territorio anche nelle iniziative future e/o già in cantiere, una su tutte “Managers on the web … 2008”. Tale progetto, rivolto agli studenti del quinto anno, permetterà loro di conoscere il mondo dell’imprenditoria, competendo in un “business game” che simula le condizioni di un mercato reale e confrontandosi, rigorosamente on – line, con colleghi di tutta Italia, in un gioco che riconosce nel merito l’unico parametro di valutazione e nel libero mercato l’unico arbitro in campo”. Un momento fondamentale in questo progetto di ri-comunicazione della figura dell’imprenditore si sta concretizzando anche attraverso un’indagine conoscitiva, condotta durante gli ultimi mesi del 2007 presso alcune scuole di diverso ordine e grado della Provincia di Lecce, sulla percezione della figura dell’imprenditore, nonchè sul livello di conoscenza dell’attività imprenditoriale da parte dei giovani. L’obiettivo questa volta era di dipingere, attraverso la compilazione di questionari differenziati per classi di età, un quadro che ritraesse l’immagine dell’imprenditore secondo i giovani studenti; i risultati dell’indagine sono ancora parziali e sommari ma già promettono valutazioni interessantissime e qualche momento di riflessione autocritica.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!