Nel brindisino record di giocate al superenalotto

Tutti i numeri delle giocate

Rocco Boccadamo riflette sul numero eccessivo di giocate al superenalotto presenti a Brindisi e dintorni

Ho letto, sul CorrierEconomia del 10 dicembre, l’articolo dal titolo Il grande Bingo dello Stato biscazziere, soffermandomi sul grafico Tutti i numeri dei giochi. La mia attenzione è stata particolarmente colpita, anzi scossa, dai dati delle giocate al Superenalotto, nel 2006, relativi alla cinque province in testa alla classifica (si fa per dire): – Roma giocate Euro 298.573.193 % sul totale nazionale 13,09 – Napoli giocate Euro 282.898.131 % sul totale nazionale 12,40 – Milano giocate Euro 195.849.074 % sul totale nazionale 8,58 – Brindisi giocate Euro 136.589.028 % sul totale nazionale 5,99 – Brescia giocate Euro 90.031.184 % sul totale nazionale 3,95. Spicca ovviamente la presenza, nell’Olimpo, di Brindisi: una partecipazione al monte lotteria, la sua, davvero abnorme, oltre 139 milioni di euro su 2.000 milioni di giocate in tutta Italia. Lo è ancor di più, se si tiene conto del numero di abitanti, ragguagliandosi così le giocate a 340 euro per persona, rispetto a 53 (MI), 81 (Roma), 92 (NA) e 81 (BS). Senza considerare due altri indicatori fondamentali: il reddito medio pro-capite che, nella provincia messapica, è notevolmente inferiore sia a quello nazionale che a quello regionale, e l’indice di disoccupazione che, al contrario, risulta notevolmente più elevato. Lo so, si sostiene da sempre che è proprio chi sta non bene a tentare maggiormente la fortuna; pur tuttavia, quanto emerso non può, a mio avviso, non preoccupare: in fondo, frequentando assiduamente le bische, si può finire con lo sfilacciare, oltre a quanto già verificatosi, i costumi delle sane tradizioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!