Vandali a scuola. A colpi di super attack

Preso di mira il Columella

I vandali delle scuole affinano la tecnica. Non più i pensati estintori, difficili da nascondere. Ma un tubetto di super attack. E olio da cucina sul pavimento dei corridoi. Così il “Columella” di Lecce è andato ko

Che siano “fighetti” o meno i responsabili degli ultimi atti vandalici ai danni di un istituto superiore di Lecce, una cosa è certa: sono originali. Perché stavolta per saltare le lezioni presso l'istituto statale di istruzione superiore “Columella”, sulla via per San Pietro in Lama, non hanno adoperato i soliti estintori, ma hanno elaborato una strategia altamente innovativa. Ed efficace, non c’è che dire. Nelle ore notturne di martedì, i teppisti si sono introdotti nell’istituto muniti di un’arma meno banale e più facile da nascondere degli estintori: un tubetto di “Super Attack”, colla micidiale che non ha fallito il colpo. Non solo. I nostri hanno cosparso di olio da cucina i corridoi della scuola rendendola inagibile. Sorpresa per chi ha aperto i cancelli, nella mattinata di ieri. Conclusione: le indagini sono in corso ed i colpevoli della bravata saranno probabilmente individuati. Nel frattempo, però, questi hanno raggiunto il loro scopo: al posto delle lezioni, un bel giro in centro in cerca della giusta idea per Natale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!