“Sul caro prezzi, garantiamo noi”

La dichiarazione di Lisi allo stop dello sciopero dei tir

Ugo Lisi, presidente provinciale di Alleanza nazionale, garantisce che il suo partito vigilierà sul rincaro dei prezzi che si potrebbe verificare in seguito alla protesta degli autotrasportatori

di Ugo Lisi* Alleanza Nazionale monitorerà, d’ora in avanti, il caro vita in corso e quello che si prospetta a causa dell’aumento di tutte le bollette. Ed il sottoscritto in prima persona, dinanzi a queste problematiche serie e concrete, decide di tirarsi fuori dai dialoghi politichesi sulla copiatura di questo o quel sistema elettorale e di soffermarsi, invece, sui problemi di una quotidianità che per gli italiani sta diventando sempre più affannosa. Non ci si può lamentare se i consumi a Natale non decollano quando sulle famiglie italiane pende la spada di Damocle degli aumenti e dei rincari delle bollette di acqua, luce e gas. Per carità, meglio fa il Governo a dirle con anticipo queste cose piuttosto che a farci trovare dinanzi all’amara sorpresa già bella e confezionata. Di certo, tuttavia, la forma non cambia la sostanza e ci si trova costretti a tirare ulteriormente la cinghia quando si pensava di essere arrivati al limite. Se poi come mi arriva voce dalla Commissione Ambiente della Camera dei Deputati, si mettono anche i Verdi a proporre, addirittura, la tassa sull’acqua minerale la china che si andrebbe a prendere sarebbe davvero pericolosa. Ciò che appare strano e difficile da digerire, a dire il vero, è l’assenza di prospettive nella gestione dei problemi quotidiani a cui l’Esecutivo Prodi ci ha abituato in questi lunghi e tristi mesi. Come si è fatto a sottovalutare il malessere degli autotrasportatori nei confronti dei quali si usa un pugno duro che non eravamo avvezzi a riconoscere al Governo. Ciò stride con la morbidezza con la quale, invece, si affrontano le vicende politiche interne alla maggioranza, dove per accontentare ora questo ora quello, oggi l’uno domani l’altro, si è disposti a rinnegare la propria esistenza e quella dei propri avi. E siccome i mali non vengono mai da soli e le tappe del calvario del centrosinistra al Governo non si esauriscono a Roma, ma proseguono fino a Bari, siamo al paradosso che mentre gli autotrasportatori bloccano l’Italia per chiedere la diminuzione del prezzo della benzina, Vendola e compagni propongono l’aumento dell’accisa sul carburante per salvare un bilancio colmo di buchi come una groviera, causato dalla loro pessima e fallimentare amministrazione. Non si tratta di vedere la realtà a tinte fosche, quanto di prendere piuttosto atto dell’incapacità di chi attualmente ci governa di affrontare e risolvere i problemi in maniera concreta. La speranza è quella di poter assistere ad un repentino cambio di rotta al fine di vedere che, finalmente, si colpiscono gli sprechi e gli sperperi e si lascino le famiglie in un clima di maggiore serenità socio-economica. I consumi, infatti, sono anche figli delle aspettative sul futuro e ad oggi, stante questo Governo moribondo, le nuvole all’orizzonte appaiono cariche di pioggia. *presidente provinciale Alleanza nazionale

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!