Disoccupato. Lavora gratis in ospedale

La protesta di un uomo di Gallipoli

E' stato scartato alle selezioni indette dalla ditta di pulizie e facchinaggio per la quale lavorava presso l'ospedale di Gallipoli ed ora non ha di che vivere. Per protesta, continua a svolgere in ospedale le sue mansioni. Ma gratis

Scartato alle selezioni del personale di pulizia e facchinaggio eseguite dalla ditta per la quale aveva sempre lavorato, presta le sue consuete mansioni gratis in ospedale. Lo fa in segno di protesta. Composta. Senza dare fastidio, anzi garantendo un servizio alla struttura sanitaria. Enrico Scigliuzzo, 40 anni, di Gallipoli, usa toni pacati per manifestare il suo disagio. Il suo stato di disoccupato gli rende impossibile vivere. E quei 400 euro che riusciva a portare a casa lavorando presso il Sacro Cuore di Gallipoli per la ditta che poi l’ha scartato, gli permettevano di andare avanti e, anche, di prendersi cura della anziana madre, oggi ricoverata presso quello stesso ospedale. Ma forse se non urli e dai fastidio, non ti fai sentire davvero. E così la condizione di Enrico continua. “Nessuno si è interessato finora – ha raccontato lui – per aiutarmi; ma almeno a Natale vorrei trovare un po’ di pace”. Sono state molte le manifestazioni di solidarietà che l’uomo ha ricevuto in questi mesi, “ma nessuno si è mai spinto oltre. Sono disperato”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!