Sparisce il Re Magio dal presepe. Lo ritrovano in piazza Duomo

Bravata sotto le feste

Mistero natalizio: qualcuno “rapisce” un Re Magio dal presepe dell'anfiteatro di Lecce per “rilasciarlo” in piazza Duomo. Senza alcuna rivendicazione

Qualcuno dice che si trattasse di Gaspare, qualcun altro che, invece, fosse Baldassarre. Ad ogni modo, sempre di un Re Magio si trattava. Sul dorso del suo dromedario di cartapesta. Prelevato, chissà da chi, dal presepe allestito nell’anfiteatro di piazza Sant’Oronzo e “rilasciato” in piazza Duomo. Senza alcun messaggio o rivendicazione da parte dei “rapitori”. Una bravata sotto le feste che fa sorridere ma anche discutere. Perché un atto del genere, da condannare, come ha avuto modo di puntualizzare Adriana Poli Bortone, vicesindaca ed assessora alla Cultura del Comune di Lecce, riporta al tema della sicurezza nel capoluogo salentino. “Nel rinnovato spirito di si possano intensificare la vigilanza ed il controllo nelle ore notturne nella zona del centro, soprattutto in questo periodo di grande fermento, e si possano individuare i responsabili di questa deprecabile azione”. Ma l’invito della Poli si allarga, com’è ovvio, all’intera cittadinanza e alle centinaia di avventori che in queste giornate affollano Lecce: avere rispetto dei luoghi e dei beni. E, visto che è quasi Natale, anche delle tradizioni e dei sentimenti di devozione diffusa. Che li si condivida o no.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!