Funghi. Quali e come

I corsi della Asl Lecce – Area Sud

Per chi proprio non può resistere alla tentazione di mangiarli e, anzi, farebbe anche di più, cioè raccoglierli, c'è un corso organizzato dalla Asl che insegna come evitare spiacevoli “sorprese”

Siete appassionati di funghi e volete raccoglierli senza rischiare? Vorreste mangiare più spesso funghi, ma non vi fidate del venditore? L’Asl Lecce-Area Sud ha deciso di venire incontro ai consumatori ed ha organizzato uno specifico corso di formazione che ha preso il via ieri. Il “Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione” ha infatti organizzato i corsi per il conseguimento dell’attestato di idoneità all’identificazione delle specie fungine, previsti dall’ art. 3 della legge regionale 14/2006 e dalla deliberazione della Giunta Regionale del 7 novembre 2006 n. 1653, per la preparazione e la formazione per i cittadini interessati al conseguimento dell’attestato di idoneità all’identificazione delle specie fungine. I corsi si terranno in tutti i distretti dell’Area-sud con la supervisione della struttura “Fitofarmaci & Centro Micologico”, diretta da Raffaele De Lorenzi, e seguendo il seguente calendario: nel Distretto di Casarano il corso si terrà presso la sala convegni dell’Ospedale “Ferrari “ nei giorni 10, 12, 14 e 19 dicembre (inizio ore 16); nel Distretto di Maglie si terrà nel Comune di Cannole, presso la sala convegni della ex scuola media sita in via Fani, nei giorni 11, 13, 17 e 20 dicembre (inizio ore 16); nel Distretto di Poggiardo si terrà presso Il Museo Civico, sito in piazza Dante 1 nella frazione di Vaste, nei giorni 7, 9, 11 e 15 gennaio 2008 (ore 16); nel Distretto di Gallipoli si terrà presso la sala convegni dell’ Ospedale “S.Cuore di Gesù” nei giorni 14, 16, 18 e 22 gennaio (ore 16); nel Distretto di Tricase si terrà presso la Biblioteca comunale nei giorni 17, 21, 23 e 25 gennaio (ore 16). Il “Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione”, inoltre, ha attivato, presso il Sian di Poggiardo, il Centro micologico per l’esame e l’ispezione dei funghi epigei raccolti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!