La banda degli estintori colpisce l'Omfesa

Intrusione nella notte. I responsabili sono minorenni

Uno dei due responsabili ha appena undici anni. L'altro, 16. Si sono introdotti all'interno della azienda di Trepuzzi Omfesa ed hannno svuotato due estintori nell'atrio. Il fenomeno emulazione dei “fighetti” di Lecce è ufficialmente partito

Anche l’Omfesa di Trepuzzi è stata presa di mira dagli emuli della banda degli estintori. Gli episodi ad opera dei “fighetti” di Lecce hanno infatti aperto la strada ad un’intensa attività di “svuotamento” degli estintori negli istituti scolastici, come a Parabita e a Copertino. Ma stavolta non si è trattato di una scuola. Protagonisti del fatto sono stati un 16enne di Trepuzzi, apprendista panettiere, ed un suo giovanissimo complice di appena undici anni. Che, approfittando della chiusura dell’azienda che si occupa di costruzione e manutenzione di materiale ferroviario, si sono introdotti nella struttura ed hanno dato il via ai giochi9, svuotando due estintori nell’atrio. Il custode ha allertato i carabinieri che hanno trovato i due giovanissimi ancora impegnati nella loro attività. Del fatto è stato avvisata la Procura dei minorenni di Lecce. Il 16enne è stato denunciato per danneggiamento, l’undicenne non è invece imputabile. Entrambi i ragazzi sono stati riaffidati ai genitori.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!