E bravo Paolo

La lettera di Pankiewicz a Perrone

“Caro Paolo, ecco alcuni veloci consigli da tenere presenti per riportare la serenità nelle strade di Lecce”. Così Woyteck Pankiewicz nella sua missiva al sindaco del capoluogo salentino

Con una lettera dal tono confidenziale, Wojteck Pankiewicz si complimenta con Paolo Perrone, sindaco di Lecce, che ha emesso un’ordinanza con la quale si sono trovati spazi idonei ad un mercatino multietnico ed è stato sgomberato il campo Rom abusivo presso la masseria di via Sandalo. Caro Paolo, apprendo dai media che da sabato prossimo 1° dicembre parte l’ordinanza contro gli ambulanti abusivi delle vie del centro, che si sono trovati idonei spazi per un mercatino multietnico e che è stato sgomberato il campo Rom abusivo presso la masseria di via Sandalo. Desidero, per questo, esprimere all’Amministrazione comunale il mio compiacimento ed il mio apprezzamento, poiché, con la mia mozione, dal titolo SICUREZZA E LEGALITA’ A LECCE, presentata il 5 u.s., chiedevo proprio tali provvedimenti. Ora, consentimi di rivolgere a te e ai tuoi assessori le seguenti raccomandazioni: 1) l’ottima soluzione trovata per i commercianti abusivi extracomunitari che sono in regola con i permessi di soggiorno sia per sempre e non solo per il periodo natalizio; 2) si proceda subito allo sgombero anche dell’altro campo abusivo dei Rom. Si insista nel fare opera di persuasione con le famiglie Rom che vogliono restare a Lecce ad avviarsi a un qualche lavoro, come lodevolmente avevi già fatto da assessore ai Lavori pubblici, avvertendo che le normative europee sulla libera circolazione richiedono espressa rinuncia ad ogni forma di parassitismo. Fai diffidare, almeno verbalmente, dai vigili urbani quegli zingari che importunano gli automobilisti sporcando i cristalli dell’auto con la spazzola, prima ancora di proporre il lavaggio del vetro; 3) istituite al più presto il vigile di quartiere, che, in collaborazione con un carabiniere e un poliziotto, costituisca le pattuglie di quartiere. Non si tratta di militarizzare il territorio, ma di controllarlo, rispondendo a quel bisogno che i cittadini hanno, specie quelli più poveri, più deboli, gli anziani, le donne, di percepire la legalità e la sicurezza. La lunghissima catena di violenze, specie nelle grandi città è diretta conseguenza di irresponsabile buonismo, lassismo, permissivismo, tolleranza dell’illegalità, contrabbandati per “spirito di accoglienza”, che è, invece, altra cosa e deve sempre animare il nostro modo di essere. Il male non sono i romeni o i marocchini o i criminali italiani, ma il lassismo e la colpevole inerzia. Ora avete imboccato la strada giusta. Il Comune di Lecce deve essere in prima linea con le altre istituzioni preposte all’ordine e alla sicurezza per diffondere la cultura della legalità, fare di Lecce la città delle regole e garantire ai cittadini leccesi il diritto alla sicurezza e alla serenità. Affettuosi saluti Wojtek Pankiewicz – Centro Moderato

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!