Disabile umiliato e filmato

Video shock nel Capo di Leuca

Un intero paese del Capo di Leuca è in subbuglio. Il branco avrebbe costretto un ragazzo affetto da sindrome di Down a spogliari e praticare l'autoerotismo. Il telefono cellulare, intanto, filmava la scena

C’è ancora il telefonino al centro di un’inchiesta della Procura. Ancora una volta protagonisti, vittime e colpevoli, sono dei minori. Stavolta però i fatti sono più delicati. Perché ad aver subito violenza è stato un ragazzo disabile, affetto da sindroma di Down, di un paesino del Capo di Leuca. Costretto, a quanto sembra, a denudarsi e a masturbarsi davanti al “branco”. Costituito, questo, da ragazzi della sua età, ovvero tra i 15 ed i 17 anni. Un telefono cellulare avrebbe ripreso tutto. Il filmato di cinque miniuti e 20 secondi sarebbe poi passato velocemente via Bluetooth da un telefono all’altro. Non avrebbe fatto, fortunatamente, accesso in rete; questo è emerso finora, ma le indagini sono tuttora in corso. Tutti i ragazzi sono stati già individuati ed interrogati; tutti sostengono la stessa versione: sarebbero stati solo spettatori di atti di autoerotismo. Il ragazzo disabile si sarebbe spogliato da solo, insomma, secondo quanto riferiscono, ed avrebbe iniziato a toccarsi le parti intime senza alcun incitamento da parte loro. I verbali degli interrogatori sono ora al vaglio del sostituto procuratore Ferruccio De Salvatore che nelle prossime ore dovrà decidere come proseguire l’inchiesta.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!