Arriva a Nardò il festival Factory

Spettacoli per ragazzi e anziani

Parte da Nardò il progetto “Factory”, festival itinerante. Due gli spettacoli previsti per stamattina. Il primo, alle ore 10, riservato ai ragazzi delle prime classi del I Circolo e a quelli del III Circolo. Replica nel pomeriggio alle ore 18.00 per gli utenti del Centro aperto per anziani. Domani, giovedì 29, lo spettacolo sarà ripetuto in mattinata a beneficio dei ragazzi delle materne e di altri delle scuole elementari

Dopo le tappe di Mostar (Bosnia), Podgorica (Montenegro), Andria e Lecce fa tappa al Teatro Comunale di Nardò il festival itinerante Factory promosso da Regione Puglia e Comune di Nardò nell'ambito del Nuovo Programma di Prossimità Adratica Interreg/Cards/Phare che intende sviluppare la cooperazione artistica e culturale fra le due sponde dell'Adriatico. “Con questa iniziativa – ha dichiarato il sindaco Antonio vaglio – intendiamo diffondere tra i ragazzi la cultura e l’amore per il teatro e far vivere anche ai nostri anziani un momento piacevolmente diverso”. “L’Amministrazione comunale – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Carlo Falangone – ha creduto nel progetto Factory (for adriatic cultural transnational organizations residential yards), sponsorizzato dalla Regione Puglia ed approvato nell’ambito del Nuovo programma di prossimità Adriatico interreg III Cards Phare. In questo modo possiamo puntare alla diffusione della cultura tra i ragazzi ed i meno giovani, in attesa che a gennaio parta la stagione teatrale”. Il programma del festival Factory proseguirà domenica 16 dicembre con lo spettacolo “altrimenti arriva l'uomo nero” della compagnia Burambò (Foggia) per poi concludersi martedì 20 e mercoledì 21 febbraio ore 21.00 con lo spettacolo “sogno di una notte di mezza estate” di William Shakespeare a cura della compagnia Transadriatica Factory composta da attori pugliesi e balcanici per la regia di Tonio De Nitto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!