Lecce. Proteste per una casa

Il Comune sfratta interi appartamenti

Proteste a Lecce per ottenere un appartamento. Molte famiglie sono state sfrattate e ora rivendicano una casa

Sono ormai due giorni che ben sedici famiglie leccesi rivendicano un alloggio ed hanno occupato gli appartamenti di un palazzo di piazzale Sondrio per dare un forte segnale di disagio. Gli appartamenti, dodici in tutto, sarebbero già stati assegnati dal Comune, che ha stilato una graduatoria a determinati nuclei famigliari. Chi li ha abitati sino ad oggi, non avrebbe titoli per avanzare richiesta. E intanto è giunto lo sgombero ma le famiglie non cedono facilmente tentando anche attraverso i terrazzi ad occupare altre due palazzine. Il corteo si spinge sino a Palazzo Carafa per chiarire la questione con Roberto Marti, assessore alla Pianificazione del Territorio e Urbanistica. Uno alla volta, gli uomini entrano nel palazzo, mentre polizia, carabinieri, vigili urbani cinturano il portone principale. Le donne prendono una lunga catena e i lucchetti, si siedono a terra e se la passano fra le mani. Sui materassi ci sono i loro figli. Un’altra azione dimostrativa. Nel frattempo in Prefettura, alle 17 era già stato previsto un incontro per discutere del problema. Il Comune di Lecce rende noto che a diversi fra gli stessi protestanti sarebbero già stati assegnati altri alloggi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!