Stefàno. Un patto per l'agricoltura

Il consigliere regionale scrive a Bersani

Patto territoriale per l’agricoltura della Provincia di Lecce: una modifica del collegato alla Finanziaria per recuperare 15 milioni di euro. È la proposta fatta da Dario Stefàno, presidente della Commissione Sviluppo economico con una lettera indirizzata a Pierluigi Bersani, per consentire al territorio salentino di usufruire di risorse che diversamente andrebbero perdute

Il Patto per l’Agricoltura della Provincia di Lecce attualmente in fase di chiusura, infatti, ha evidenziato alcune economie rinvenienti da rinunce e revoche, quantificabili, appunto, in circa 15 milioni di euro. Si tratta di un tema nevralgico intorno al quale si intrecciano le dinamiche del nostro territorio che ce la sta mettendo tutta per affrontare le sempre più difficili sfide del mercato e dei grandi mutamenti sociali della nostra epoca. Il rischio è che i fondi vengano stornati a favore di altre regioni, quali il Veneto e l’Emilia Romagna, andando così definitivamente perduti, a meno che non si proceda ad una rimodulazione del Patto, verso cui la Provincia di Lecce si è già dichiarata disponibile, attraverso un intervento del Presidente Pellegrino. Il problema è dato dall’attuale collegato alla Finanziaria 2007, che prevede il finanziamento delle rimodulazioni a condizione che vengano presentate entro 4 anni dalla data di avvio dell’istruttoria. Se così dovesse essere, però, il Patto Agricoltura di Lecce sarebbe escluso, con una forte penalizzazione dell’intero territorio e delle aziende agricole ed agrituristiche locali coinvolte. Una possibile soluzione, dunque, potrebbe essere quella di prevedere una precisazione, una rettifica o un emendamento al collegato, che fissi il finanziamento delle rimodulazioni entro quattro anni ma dalla data di approvazione dei Patti. In questo modo, oltre a seguire un iter più coerente rispetto ai regolamenti attuativi, si consentirebbe di irrorare con ulteriori e preziose risorse il territorio salentino che, riguardo a tale settore senza attendere troppo interventi di altri livelli istituzionali, ha già iniziato a dare diversi segnali di ripresa che sarebbe un vero peccato vanificare.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!