Camera di commercio. Voglia di internazionalizzazione

Le imprese si riuniscono

Partire dalle esigenze delle imprese. E’ stato questo il motivo principale dell’incontro che si è svolto in Camera di Commercio e che ha visto protagoniste le imprese impegnate e che hanno interesse ad internazionalizzare i propri rapporti commerciali

All’importante momento di confronto erano presenti, oltre a Alfredo Prete, presidente dell’Ente camerale leccese, Fulvio Babbo, presidente della Commissione Internazionalizzazione della Camera di Commercio di Lecce, Luigi Sansò, presidente dell’Azienda Speciale per i Servizi Reali alle Imprese della Camera di Commercio di Lecce, ed a diversi consiglieri camerali salentini, numerose aziende che già operano sui mercati nazionali ed internazionali. Internazionalizzare i propri rapporti commerciali è l’intento di numerose realtà produttive, che però spesso non vedono ricompensati adeguatamente gli sforzi compiuti nel tentativo di far conoscere i propri prodotti al di là dei confini nazionali. Occorre, quindi, condividere gli obiettivi da raggiungere e realizzare una serie di azioni che possano creare sviluppo dando vita ad una rete che partendo dalla Camera di Commercio, attraverso le Associazioni di categoria, giunga alle imprese e dando una risposta adeguata alle varie esigenze aziendali. Non una “politica calata dall’alto” ma scelte condivise che partendo dalla formazione degli addetti da occupare direttamente in azienda, fornisca tutte le informazioni utili a conoscere la normativa commerciale e fiscale dei vari paesi di interesse per l’implementazione di pratiche di import/exoport. “Si tratta di interessanti momenti di confronto utili alla conoscenza delle esigenze delle nostre imprese – ha dichiarato il presidente della Camera di Commercio di Lecce, Alfredo Prete – Informazioni da utilizzare per elaborare delle attività mirate a sostenere i quotidiani sforzi compiuti dalle aziende per affrontare le sfide poste dai mercati nazionali ed internazionali”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!