Poli contro i tagli ai Comuni

“Illegittimo il criterio della spalmatura”

Adriana Poli Bortone, vice presidente vicario Anci e coordinatore di Alleanza Nazionale in Puglia si oppone ai contenuti della circolare proveniente dal Ministero dell’Economia e delle Finanze con la quale si dispone la riduzione del contributo ordinario annuale spettante a ciascun Comune

“La strategia persecutoria di questo Governo nei confronti degli enti locali sembra non avere fine. Credo che si ponga realmente un problema di sopravvivenza”. Questo il commento di Adriana Poli Bortone vice presidente vicario Anci e coordinatore di Alleanza Nazionale in Puglia ai contenuti della circolare con la quale il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha disposto (come maggior gettito Ici) la riduzione in misura proporzionale del contributo ordinario annuale (fino alla concorrenza della somma di 609 milioni di euro prevista dal decreto Visco) spettante a ciascun Comune. Ciò sulla base del fatto che l’Agenzia del Territorio non ha potuto fornire al Ministero dati completi a causa di una proroga legislativa intervenuta per gli accatastamenti dei fabbricati rurali. “La riduzione dei trasferimenti è già ingiusta – evidenzia Adriana Poli Bortone – ma farla in misura proporzionale e slegata dal dato reale della quantificazione della nuova base imponibile dei fabbricati rurali rappresenta atto di accanimento indiscriminato. Il criterio della spalmatura è illegittimo. Il maggior gettito va individuato e certificato per ciascun Comune e solo in base a questo può operarsi la riduzione. Solo per fare un esempio, il Comune di Lecce perde qualcosa come 1 milione e 367 mila euro, che non ha alcuna giustificazione quantitativa rispetto ai dati che determinano la riduzione. Peraltro -chiede – che cosa succederà una volta individuata la nuova base imponibile? Il Ministero ha previsto un conguaglio oppure questa discriminazione resterà perpetrata nel tempo?”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!